Risotto ai fiori d’acacia e pepe verde

risotto_acacia
Maggio è il mese più bello dell’anno, su questo non ci piove. Su questo concetto, non su questo Maggio. Su quello ci piove cheddiolamanda. Ma nelle pause tra una pioggia e l’altra escono fuori delle giornate strepitose in cui ringrazio il destino per avermi portato a vivere in campagna. E ringrazio Urano, il mio cane, che mi costringe a staccarmi dal computer e dal lavoro per portarlo nei campi dietro casa, che in questo periodo sono di una bellezza incredibile: verdissimi, rigogliosi, pieni di fiori sui cespugli di rosa canina, sugli alberi di acacia, nei campi coltivati.
bocciolo
rosa_canina_2
Il sole scalda ma l’aria è fresca, il cielo è di un azzurro pienissimo con nuvole dai contorni scolpiti e la neve dei pioppi galleggia ovunque nell’aria, riempiendo di poesia le campagne come anche i vicoli di città, col sole che filtra in controluce e le rondini che sfrecciano e si rincorrono. Il rosso sfacciato dei papaveri è dappertutto, ai bordi delle strade e nei campi di grano.
papavero
papaveri
Ah, ve lo dico, io in Primavera sono capace di diventare terribilmente melensa, come una Pollyanna che assiste meravigliata e felice alla rinascita della natura nonostante la riveda tutti gli anni da 30 anni. Volete vedere quanto so essere melensa? Volete vedere?
cuori
Occhei, direi che può anche bastare, mi toccherà fare un giorno di digiuno per smaltire tutta questa zuccherosità.
I margini dei boschi qui dietro casa pullulano di alberi di acacia che in questo periodo sono carichi di fiori, profumando l’aria in modo delizioso. Non sia mai che io me ne stia a guardare tutta questa abbondanza senza fare un pensiero su come poter utilizzare l’elemento botanico in questione in cucina o in un qualche intruglio erboristico. E quindi sono andata a spulciare in giro scoprendo che i fiori dell’acacia sono commestibili e ci si possono fare un bel po’ di cose.
acacia_fiore
acacia_albero
Stavolta non so dirvi molto rispetto alle proprietà terapeutiche o nutrizionali della pianta, perché ad essere sincera non sono riuscita a trovare grandi informazioni in questo senso, nonostante abbia cercato parecchio. Fatto sta che un risotto me lo volevo proprio provare e allora mi sono data alla raccolta, immersa nel profumo dei fiori e nel ronzio delle api tutt’intorno, con Urano sempre lì nella sua tipica posizione “lanciami quel bastone tipregotipregotipregotiprego”, quasi scomparendo nel grano ormai alto quanto lui.
uranino_grano
Tenete presente che, mentre i fiori sono commestibili, tutto il resto della pianta è tossico per l’uomo, quindi evitate di raccogliere foglie e fusti. I fiori sono piuttosto delicati, quindi cercate di raccoglierli appena prima di cucinarli e non lavateli, ma sgrullate delicatamente i grappoli per lasciar cadere eventuali ragnetti o insettini vari infilati dentro. Magari fate la vostra raccolta dopo una giornata di pioggia, in questa Primavera non sarà difficile!
acacia_ciotola

// Risotto ai fiori d’acacia e pepe verde //

°° Ingredienti °°

  • 400 grammi di riso semintegrale carnaroli o ribe o come vi pare
  • 2 cipollotti piccoli
  • una decina di grappoli di fiori d’acacia
  • un cucchiaino di grani di pepe verde
  • un po’ di vino bianco
  • un litro circa di brodo vegetale
  • olio extra-vergine d’oliva
  • sale
Preparate il brodo vegetale e nel frattempo fate rosolare i cipollotti tritati in poco olio e con un pizzico di sale in una pentola dal fondo spesso. Unite il riso e lasciatelo tostare mescolando per un paio di minuti, poi aggiungete 2-3 cucchiai di vino bianco e lasciate sfumare a fiamma alta per altri 2 minuti mescolando sempre. A questo punto unite qualche mestolata di brodo fino a coprire abbondantemente il riso e lasciate cuocere per il tempo necessario, aggiungendo brodo quando serve ossia man mano che il risotto si asciuga. Il riso semintegrale di solito ci mette 20-25 minuti, ma può variare, controllate il tempo sulla confezione.
Mentre il riso cuoce preparate i fiori staccandoli delicatamente dallo stelo; mettetene da parte qualcuno per decorare, se vi va. Aggiungete i fiori al risotto solo a 5 minuti dalla fine della cottura, insieme al pepe verde che avrete precedentemente pestato in un mortaio.

Per un gusto ancora più delicato potete sostituire il pepe verde col pepe bianco. Qualcuno ne sa qualcosa di più sulle proprietà dell’acacia? In caso scrivetemi due righe, mi fa piacerissimo. Potete lasciarle anche se non siete degli espertoni di botanica, sono contenta lo stesso :-)

Ti è piaciuto questo post? Condividilo!

12 Risposte a Risotto ai fiori d’acacia e pepe verde

  1. Dino ha detto:

    Si il fiore e bello e anche buono e si può mangiare a cucchiaiate penso o no booo……..ciao dino

  2. haru ha detto:

    splendido! tantissimi fiori si possono mangiare e sono interessantissimi dal punto di vista nutrizionale. il polline è ricco di carboidrati, lipidi, sostanze azotate, carotenoidi e flavonoidi. il nettare è ricco di zuccheri semplici, amminoacidi e proteine, sali, acidi organici, sostanze fenoliche, alcaloidi e terpenoidi. i petali contengono anche vitamine, sali minerali e altre sostanze come antocianine e carotenoidi. anche per me è stata una scoperta, e dal momento che adoro mangiare i fiori non ho potuto che rimanerci di stucco. insomma, pensavo che fossero solo belli, profumati e, al massimo, buoni! :3 grazie per la descrizione stucchevole, io di zucchero ne avevo proprio bisogno (e poi penso che man mano che le primavere si accumulano alle spalle si diventa sempre più sensibili al loro fascino: come se ogni nuova primavera si arricchisse del ricordo di tutte le precedenti). solo che io dovrò aspettare di andare in collina per raccogliere un po’ di fiori d’acacia! mannaggia. chissà se li troverò ancora quando avrò finalmente il tempo di andarci? (invidio la tua vita bucolica sai?)

    P.S. il mio mese preferito è giugno, ma sono di parte: festeggio la mia nascita. :)

    • Claudia_GranoSalis ha detto:

      Haru! Grazie del tuo bel commento e di questo elenco sulle proprietà generali dei fiori. E’ ormai da un po’ che quando ad esempio metto i fiori di zucca nell’insalata mi guardo bene dal buttare il pistillo, che tutte le ricette dicono di scartare…e che la buttiamo via tutta questa ricchezza?!
      Ti auguro di poter fare presto una bella raccolta, l’acacia fiorisce fino a giugno, magari ce la fai!
      P.S: Ehm…pure io sono di un po’ di parte, sono nata a maggio :-)

  3. Michele ha detto:

    Non sono un’esperto botanico ma i fiori in questione sono di acacia selvatica e il nome della pianta è ” robinia pseudacacia “, non conoscevo questa ricetta del risotto e proverò a metterla in pratica, detti fiori sono buonissimi anche la pastellati e fritti.
    Grazie e complimenti per il blog

    • Claudia_GranoSalis ha detto:

      Grazie del contributo Michele, e anche dei complimenti! In effetti questo post è già piuttosto datato, nel tempo ho cambiato parecchio il mio modo di scrivere e ormai sono solita parlare delle splendide piante selvatiche dei nostri territori in modo molto più particolareggiato; non riesco a farne a meno, spesso mi ritrovo mio malgrado a digitare fiumi di parole. Le passioni spesso sono così: nascono piano e crescono senza controllo :)
      Ottimi anche fritti, verissimo! Li ho fatti tempo fa, insieme ai fiori di sambuco, una delizia: http://granosalis.org/frittelle-dolci-fiori-sambuco-acacia/.

      • Michele ha detto:

        È così anche per me, adoro conoscere e scoprire quello che il territorio ci offre, magari attraverso conoscenze e racconti dei nostri nonni o genitori,da ingredienti apparentemente poveri si ottengono piatti di eccellente qualità che stupiscono i più, che spesso non sanno nemmeno dell’esistenza o dell’uso di certi prodotti….
        Un risotto con i germogli di luppolo per esempio…che propio ora escono allo scoperto….mantecato con crescenza….provalo e fammi sapere !

  4. Lorena ha detto:

    L’acacia fa bene per la gastrite, reflusso gastrico, stitichezza, insonnia, tosse,

    • Claudia ha detto:

      Grazie del contributo Lorena! Quelle che elenchi sembrano essere più che altro le proprietà del miele estratto dai fiori; a quanto mi risulta i fiori non processati condividono alcune di queste proprietà ma non tutte, ad esempio sono astringenti, quindi usati in caso di diarrea e non di stitichezza. Non conosco benissimo la pianta però, in effetti mi sa che non è tra le più utilizzate a scopo fitoterapico.

  5. Alex ha detto:

    Ciao Claudia mi sai dire quali fiori oltre a quelli di acacia e sambuco,si possono usare in cucina ? Intendo quelli selvatici
    Grazie

    • Claudia ha detto:

      Ciao Alex, sono moltissimi, è impossibile racchiuderli in un commento :) Ti consiglio di seguire un buon corso di riconoscimento erbe commestibili nella tua zona, per iniziare a scoprirli meglio. Qui su granosalis comunque, ne clicchi sulla categoria “erbe spontanee” nella colonna di destra e ti spulci per bene tutti i vecchi post ne troverai diversi in cui ci sono ricette con i fiori, come quelli di borragine, di primula, di calendula.

Leave a reply