Friselle con i miei capperi

friselle
Eccola quella ricettina a cui avevo accennato qui…ho aspettato che i capperi stessero a riposo nel loro sale un po’ di tempo e oggi li ho usati per la prima volta. Questa è una ricetta ancora tipicamente estiva, ma d’altra parte ancora in estate siamo, e che estate! Il sole è potente e caldo, è uno di quei periodi dell’anno in cui godo come una lucertola a mezzogiorno a mettermi sotto i suoi raggi, specie la mattina appena sveglia, quando prendo il caffè seduta per terra davanti alla porta finestra che dà sul giardino facendo le coccole a Urano, che pure lui non vede l’ora che io mi alzi e apra le grosse imposte di legno per andare subito a rosolarsi per bene. Sta lì fino a che la parte nera del suo pelo non diventa bella calda (quanto mi piace accarezzare un cane o un gatto scuro dopo che è stato un po’ al sole!), poi se ne torna dentro e si rintana nel punto più fresco della casa. In questi giorni me ne starei sempre in bicicletta, in discesa però, a prendere il vento fresco in faccia. O seduta in penombra sotto un salice in riva al lago, come con Marta a Bolsena domenica scorsa. In ogni caso fuori da queste mura. Una delle cose più brutte dei computer è che se li usi fuori al sole non vedi assolutamente niente e ti fai talmente male agli occhi che è assolutamente impossibile reggere la situazione. Diventa tollerabile solo quando il sole è ormai dietro la collina alle spalle del borgo, ma a quel punto 1- quasi sempre ho già smesso di lavorare; 2- ferocissime zanzare tigre sono lì che aspettano solo che io mi sieda a quel tavolino.
Questa ricetta la devo a Katy di Girovegando in cucina. Quando sono capitata sul suo blog la prima volta, non mi ricordo neanche più come e perché, questa era la ricetta più recente in homepage e mi ha subito conquistata. Inizialmente perchè l’ho trovata molto semplice e veloce da fare e mi serviva giusto un salvapranzo in quel momento. Poi perchè ho scoperto che è pure buona! Anche per me che non sono quest’amante delle frise, mio padre me le preparava sempre durante le nostre estati molisane o rientrati dal paese con il bagagliaio pieno di biscotti del forno locale, ma io le mangiavo sempre un po’ controvoglia. Questo condimento invece le rende più particolari e saporite senza comportare eccessivo sbattimento in più. Ecco la mia versione, con qualche personale modifica in ingredienti e quantità:

// Friselle pomodori, zucchine e capperi //

°° Ingredienti °°

  • 8 friselle piccole o 4 grandi
  • 30-40 pomodori ciliegini o datterini
  • 4 zucchine medio-piccole
  • un cipollotto rosso
  • una manciata di capperi sotto sale
  • qualche rametto di origano fresco
  • mezzo cucchiaino di crema di aglio o uno spicchio d’aglio
  • olio e.v.d’oliva
  • sale
Friselle con i miei capperi 1Grattugiate le zucchine con una grattugia a buchi larghi. Mettetele in un colino, cospargetele di sale e lasciatele lì mentre preparate il resto. Stessa cosa fate col cipollotto, che va affettato sottile sottile e messo a mollo in un po’ d’acqua, così, mi ha spiegato Katy, diventa più digeribile e più delicato di sapore.
Friselle con i miei capperi 1Tagliate a dadini i pomodori e metteli in una ciotola con un paio di cucchiai d’olio e pochissimo sale. Dissalate una manciata di capperi sciacquandoli bene sotto l’acqua corrente, poi tritateli grossolanamente e uniteli ai pomodori, insieme anche all’origano fresco e alla crema di aglio. Qui apro una parentesi: la crema di aglio è una vera svolta, vi fa risparmiare un sacco di tempo ed è molto saporita, presto vi dirò come prepararla. Se non ne avete o se state ancora aspettando che io mantenga la promessa e la pubblichi, usate uno spicchio d’aglio tritato molto finemente.
Friselle con i miei capperi 1Bagnate le friselle sotto un filo d’acqua per 10 secondi e poggiatele sui piatti. Metteteci su uno strato di zucchine ben strizzate, poi qualche fettina di cipolla, sempre scolata e strizzata, e infine i pomodori conditi. Un filo d’olio su ogni frisa…fatto!

Per i capperi…o era un po’ troppo presto oppure ho sbagliato qualcosa. Eppure che cosa si può sbagliare nella conservazione sotto sale? Insomma, il sapore è ancora un po’ forte, forse c’è ancora da aspettare, vi aggiorno tra un mesetto!
Le friselle volendo si possono fare pure in casa, questa per esempio è la ricetta con la pasta madre di Annalisa sul suo blog Fermenti selvatici.
Nel piatto c’è anche sullo sfondo un avanzo della lasagna crudista che ho preparato ieri, ma questa è un’altra storia…e un altro blog!

6 commenti su “Friselle con i miei capperi”

  1. Anch’io ho i capperi in dispensa e aspetto che siamo pronti!
    Ogni tanto apro il barattolo per sentirne il profumo.
    Nel mix proposto da te mi sembrano perfetti! una ricetta da provare.
    Ciao. a presto
    GiuseB

    1. Claudia_GranoSalis

      Ciao Giuse!
      Ma quanto tempo fai passare tu prima di usarli? Come dicevo nel post i miei sono ancora un po’ troppo forti, è passato poco meno di un mese da quando li ho colti e messi sotto sale, troppo poco?
      Comunque sì, la ricetta vale la pena 🙂

  2. Ciao, sono MARI,
    è da un pò di tempo che ti seguo su bloglovin, e mi piace molto la tua cucina!

    Per questo ti ho nominato BLOG AFFIDABILE. Se ti fa piacere passa da me a vedere le motivazioni. A presto! 🙂

    1. Claudia_GranoSalis

      Ciao Mari, grazie davvero!
      Ho avuto un po’ da fare e ho tardato a vedere il commento e rispondere, mi fa molto piacere che tu abbia pensato a me, verrò a trovarti presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su

Newsletter

Puoi iscriverti ad una o ad entrambe le newsletter, ti arriveranno mail diverse. 

Nuovi post

Iscriviti per ricevere una mail ogni volta che pubblico un nuovo post.

Corsi ed eventi

Iscriviti per essere aggiornato periodicamente su corsi ed eventi.