Tris di zucchine farcite di quinoa


Ci sono delle volte in cui cucinare mi rilassa in una maniera particolare. Sono quelle volte in cui riesco a prendermi tanto tempo per provare una ricetta nuova o anche no, in cui in generale faccio le cose con calma, con ordine, senza ritrovarmi a tritare il prezzemolo nell’ultimo decimetro quadrato di spazio rimasto nel delirio della cucina (che è piccola!), ma preparando gli ingredienti uno ad uno nelle loro ciotoline e facendo tutto con presenza e gioia, con le casse che vibrano della musica giusta e con su il grembiule cucito apposta per me da quell’anima bella della mia amica Marta.
La ricetta che ho preparato stamattina mi è stata ispirata da una piccola sosta per prendere un po’ d’insalata ai campi davanti casa mia. Il posto è una piccola azienda agricola che non ha certificazione biologica ma che non tratta in nessun modo di quelli che a noi non piace le verdure che coltiva. Non mi ci rifornisco sempre, la mia spesa settimanale la faccio in un’altra azienda, che mi sta parecchio più lontana ma a cui ormai sono troppo, troppo affezionata. Insomma, quando durante la settimana mi ritrovo con qualche verdura che scarseggia in frigo vado lì, agli Orti di San Leonardo. Si dà il caso che in questo momento stiano producendo una quantità abnorme di zucchine tonde, con cui riforniscono anche il mercato di Siena.

Io non le ho mai amate particolarmente, ma avevo visto una ricetta su Cucina Naturale in un qualche scorso numero che mi aveva invogliata parecchio, e già che c’ero, vedendo le cassette di zucchine appena colte che arrivavano copiose, ho comprato 4 belle zucchine tonde, che poi sono diventate 8 con l’aggiuntina per fare peso e con quelle che mi hanno regalato. Mi sono fatta accompagnare dal buon Jonny Cash e la preparazione è filata liscia e piacevolissima, con ottimi risultati!

// Tris di zucchine farcite di quinoa //

°° Ingredienti °°

  • 180 grammi di quinoa
  • 12 zucchine tonde piccole
  • 60 grammi di olive nere morbide
  • 4 pomodori maturi
  • 2 cipollotti freschi
  • 1 spicchio d’aglio
  • una decina di foglie di menta
  • 4-5 rametti di prezzemolo
  • 2 foglie di alloro
  • 1 chiodo di garofano
  • origano
  • olio e.v.d’oliva
  • sale
Portate a bollore una pentola abbondante d’acqua, salatela e unite il chiodo di garofano e le foglie di alloro, lasciando bollire ancora per 5 minuti. Tuffateci dentro le zucchine e fatele cuocere per 10 minuti, verificando la cottura infilando uno stuzzicadenti nella parte inferiore: la zucchina non dovrà fare grande resistenza. Scolatele conservando l’acqua di cottura e immergetele in acqua fredda.
Mettete a cuocere la quinoa utilizzando l’acqua di cottura delle zucchine, pari al doppio del volume del cereale. Cuocetela per circa 15 minuti, finché non avrà assorbito l’acqua e finché non vedrete staccarsi gli anellini esterni.
Eliminate la calotta dalle zucchine e svuotatele della polpa con delicatezza, aiutandovi con un coltello e un cucchiaino, dopodiché lasciatele scolare mettendole capovolte. Tagliate a piccoli dadini o a striscioline le calotte e parte della polpa (meno saporita), poi fatele cuocere in padella per una decina di minuti con olio, aglio tritato e un pizzico di sale, aromatizzandole alla fine con la menta tritata.
Riportate a bollore il brodo rimasto e tuffateci dentro i pomodori per 30 secondi, lasciateli freddare un attimo e pelateli. Tritateli grossolanamente e conditeli con origano e un pizzico di sale. Rosolate dolcemente le cipolle tritate con olio e un pizzico di sale per 10 minuti, poi lasciatele freddare un po’ e unitele alle olive precedentemente tritate.
Dividete la quinoa in tre parti e mischiatela ai tre diversi condimenti. Farcite le zucchine e servitene 3 a persona.

La ricetta originale prevedeva il bulgur, che sicuramente ci sta parecchio bene. Potete provare anche col miglio. Seguendo la ricetta così com’è, avrete un altro modo per utilizzare il famoso pacchetto di quinoa sepolto nella dispensa di cui parlavamo qui. Se vi avanzano le varie farciture, e se non le fate fuori direttamente, mischiatele insieme e avrete un’insalatina di quinoa per un pasto successivo.

Ti è piaciuto questo post? Condividilo!

Leave a reply