Archivi per il Tag: crudo

Insalata di cavoli con fiori e foglie di primula e alliaria


Febbraio è passato, in un battito di ciglia per quanto mi riguarda. La primavera è già nell’aria da almeno due settimane, nonostante l’inverno freddo che si era prospettato a gennaio. Ho una voglia di luce pazzesca, non vedo l’ora che invada definitivamente ogni angolo di terra.
Me lo sto godendo relativamente poco, questo calore anticipato, mi tocca starmene un bel po’ di tempo rinchiusa in casa a battere sulla tastiera, da quando mi sveglio fino a che il sole è già tramontato da un po’. Ma grazie a Urano, una o due volte al giorno infilo le scarpe da trekking ai piedi, per mettere insieme il naso fuori di casa. read more

Insalata di arance e finocchi con borsa di pastore


Il rapporto con i miei vicini siciliani è fatto di buste appese al cancello del giardino e piatti scambiati sulla porta di casa. È iniziato con cucuzze e zucchine appese d’estate, ricambiate con torte dolci alle zucchine; è proseguito con panzerotti fritti fumanti, tradizione pugliese per il giorno dell’Immacolata (che io ho adottato subito senza pensarci due volte, e chi se la lascia scappare!), ricambiati con arancini per Santa Lucia, grossi come palle da baseball. Prima della fine dell’anno, è andato avanti ancora con buste di melograni, gli ultimi della stagione, e succose, profumatissime arance.read more

Crostatine senza cottura al melograno e semi di chia

crostatine-melograno_small
Un altro risveglio bianco e pungente. Fuori dalla finestra tutto è fermo, irrigidito dalla gelata, i suoni sono attutiti. Se le giornate non fossero così limpide e assolate sarebbe dura uscire di casa, ma basta un’ora di sole a ridare colore e vita, alle piante e alla mia pelle. Quando arriva la parte centrale della giornata, stare in casa è impossibile: la luce intensa e il calore chiamano fuori, le colline delle crete senesi chiedono di essere percorse, di svelare punti nascosti, di essere viste sotto una nuova prospettiva, attraversando alcuni campi rimasti stranamente liberi dal rosso arancio dei diserbanti, quest’anno.read more

Barrette energetiche al guaranà per Sergio e 4 anni di GranoSalis

barrette_energetiche_small
“E che ci fai già qui?!”, vi direte. Ho pubblicato appena qualche giorno fa un nuovo post sul sambuco e mi ripresento già il giovedì successivo, giorno piuttosto inusuale per l’uscita di nuovi articoli qui su questo blog. E magari in tanti siete già in viaggio verso mare, montagna, amici e parenti, che oggi è festa e in tanti vi godrete un bel ponte lungo baciato dal sole (ehm, sì, se siete a sud forse, che da queste parti non va proprio come previsto qualche tempo fa col meteo, ha grandinato di nuovo appena l’altro ieri).
È che a me, quattro anni fa, è venuto in mente di scrivere il primo articolo proprio un tranquillo pomeriggio di inizio giugno, senza badare a ricorrenze concomitanti o cose simili. Insomma, oggi sarà anche la festa della repubblica, ma è pure il compleanno di GranoSalis, che lo si sappia! read more

Misticanze primaverili e nuovi corsi in programma

misticanza_1_small
Marzo è qui! È tempo di infilarsi di nuovo le scarpe da trekking, impugnare il cestino e inoltrarsi su sentieri, prati e pascoli in cerca di erbe e fiori selvatici. Smetto di rimpiangere questo inverno mai arrivato e mi preparo anche io alla bella stagione che bussa e che ha già dato qualche anticipazione della sua luce e del suo calore, salvo poi ripiombare nel grigiume di questo weekend.
Tempo di infilarsi di nuovo le scarpe da trekking, sì, o gli stivali di gomma, vista l’acqua che è caduta ultimamente. Io, a dire il vero, non me le sono ancora mai tolte dallo scorso autunno. read more

Cucuzza siciliana marinata allo zenzero

carpaccio_cucuzza_small
Da quando vivo in campagna ho una percezione molto più diretta di quanto la natura sia potente, in positivo e in negativo. Accade nell’osservare la velocità di crescita di un bosco dopo il taglio parziale degli alberi, nel vedere quanto rapidamente l’erba verde riconquista un colle dopo un incendio, o quanto il mio giardino si sia riempito di ogni varietà di spontanee che prima non c’erano, nel corso di pochi anni di semini inconsapevolmente trascinati nelle suole delle scarpe, sul pelo del mio cane, nei risvolti dei pantaloni. Nel sentire la potenza spaventosa di un fulmine cadere nel bosco, proprio alle spalle della mia casa. Nel vedere la violenza dell’acqua spazzare via orti, strade, alberi, animali chiusi in gabbia senza scampo.read more

Pasta di zenzero (oppure di aglio)

pasta_zenzero_small
Tornare a scrivere dopo una lunga pausa è tremendo. Tolgo la testa da qui per un po’ e appena ce la rimetto sono talmente piena di idee che non so più dove metterle. Sono piena di articoli in bozza e altrettanti ne ho nella testa. Il problema è che poi la stagione va avanti e mica poi posso pubblicarvi un piatto a base di pomodori a novembre, no? Oggi comunque, senza dilungarmi troppo, vi lascio una ricetta-svolta, che poco ha a che vedere con la stagionalità, ma che ho utilizzato in un’altro piatto che invece è prettamente estivo di cui vi parlerò poi.read more

Saluti e budini

budino_pesche_small
Ciao, carissimi i miei lettori!! Sì, sono viva! Non mi sono sciolta in una delle crepe aride e argillose delle crete senesi, né per le strade torride di Roma, dove ho passato una settimana di recente (ovviamente la più calda, si capisce…), che mio fratello convolava a giuste nozze e io mica potevo mancare, no?! Sono qui, sono solo sparita per un po’ senza averlo premeditato, fiaccata dall’afa incredibile di quest’ultimo mese e da altre varie ed eventuali, che mi hanno tolto parecchia energia e voglia di fare. Ho tenuto spento il computer, ho dormito molto, cucinato poco, bandito il forno fino a data da definirsi. Ecco, ogni tanto mi tocca accenderlo, che se qui non si fa la pizza una volta alla settimana il mio lui va a finire che mi molla. Almeno ho la scusa per rinfrescare la pasta madre, che altrimenti resterebbe lì nell’angolo del frigo a inacidirsi, poverina…read more

Pesto di basilico sbagliato e riciclato

basilico_small
Qualche settimana fa la lettura di questo post della izn mi ha regalato una flebile speranza. Sapere  che proprio lei, che sul suo balcone coltiva, e sottolineerei con successo, un sacco di belle cose e che ha colonizzato il terrazzo della sua palazzina per farne un piccolo orto con annessa rubrica correlata sul Pasto Nudo, che proprio lei, insomma, fino a pochi anni fa aveva il pollice nero, mi ha fatto intravedere la possibilità di poter avere la stessa sorte. Perchè per quanto io ami la natura e sia così appassionatamente interessata alla vita delle piante selvatiche, alla loro utilità, raccolta e trasformazione, nonostante abbia un profondo rispetto e amore per le nostre materie prime ortifere, nella coltivazione e cura delle piante stesse sono un vero disastro. read more

3 anni di granosalis…e stavolta una torta ci sta!

cheesecake_fragole_small
Ho sempre amato il numero 3! E proprio oggi questo blog compie tre anni tondi tondi.
Questo è stato un anno molto bello per Granosalis, mi ha dato un sacco di soddisfazione e mi ha fatto tornare indietro tanta dell’energia che ho dato scrivendo tutte le settimane su queste pagine. Sarà che siete sempre di più la fuori a leggermi e sarà che durante quest’anno mi avete fatto sentire il vostro calore in modo particolare. Sarà anche che la passione che metto qui dentro ha trovato anche altri canali per esprimersi, nei corsi bellissimi che ho tenuto ultimamente, nelle collaborazioni esterne con riviste che seguo da tanto come Cucina Naturale o con progetti affini come Il Pasto Nudo. E se lo scorso anno ho festeggiato in modo un po’ anomalo con una tisana (sì, ma che tisana! Completamente autoprodotta, volete mettere la soddisfazione?!), quest’anno vado sul classico e faccio una bella torta. Una torta particolare, senza cottura, che onori al meglio le fragole deliziose dei miei adorati produttori. Una torta fresca, colorata, nutriente, goduriosa pur senza zuccheri raffinati e zozzerie varie.read more