Polpettine di miglio, quinoa e ortica

polpette_miglio_quinoa
Per la terza settimana di fila, protagonista è ancora un’erba spontanea, una di quelle che tutti, ma proprio tutti possono riuscire a trovare da qualche parte, che abbonda in ogni dove tanto quanto abbonda di proprietà benefiche e preziosi elementi nutritivi.
Sarebbe bello che allo stesso modo queste giornate abbondassero di sole e rendessero più piacevole starsene fuori, in giro per campi a raccogliere cose buone, stesi su un prato col viso teso verso i raggi caldi e appaganti a mò di lucertola. A quanto pare c’è ancora da aspettare e questa raccolta, come diverse altre in questi giorni, l’ho fatta sotto un cielo monocromatico (a cieli monocromatici Manuela, che seguo sempre, propone questa soluzione…ci farei un bel pensiero, soprattutto oggi che piove a dirotto). Non avevo previsto di raccogliere ortica quando sono uscita di casa, poi me la sono ritrovata davanti, bella e abbondante e per prenderla mi sono messa dei guanti da lavoro di tessuto che mi sono ritrovata nel kit di emergenza nel portabagagli della mia macchina. Pessima idea…usate guanti di gomma, e pure belli spessi.
L’ortica è una delle piante più adatte ad essere consumate in primavera, per le sue proprietà depuranti ed energetiche. Oltre a essere ricca di vitamine A e C, ha un alto contenuto di silicio e manganese, due elementi che stimolano il metabolismo e aiutano a contrastare la stanchezza che accompagna spesso i periodi di disintossicazione e i cambi di stagione.
Il miglio e la quinoa, non contenendo glutine, sono tra i cereali in chicchi che risultano migliori per il consumo umano, facili da digerire, leggeri e al tempo stesso molto nutrienti. Il miglio si unisce molto bene all’effetto energizzante dell’ortica per il suo alto contenuto di proteine e ferro.
Se non riuscite a trovare l’ortica o non avete il tempo di andarla a raccogliere, sostituitela con un’altra verdura a foglia verde, come la bietola o gli spinaci.

// Polpettine di miglio, quinoa e ortica //

°° Ingredienti °°

  • 200 grammi di miglio
  • 100 grammi di quinoa
  • un bel mazzetto di ortiche (in alternativa bietola o spinaci)
  • 1 cipolla grande
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 patata media
  • 1 litro circa di brodo vegetale
  • olio e.v.o.
  • sale
Una volta raccolta l’ortica, con dei guanti di gomma spessa da cucina separate le foglie dai gambi, poi lavate bene le foglie e asciugatele con una centrifuga. Tritatele grossolanamente, sempre con i guanti. In una pentola preparate un soffritto con le cipolle e l’aglio, unite l’ortica e lasciate cuocere mescolando per qualche minuto.
Tostate miglio e quinoa insieme in una grossa padella per 5 minuti, agitandola spesso, dopodiché unite i cereali alla pentola delle ortiche e aggiungete brodo fino a coprire, aggiungendo anche la patata grattugiata a scaglie grosse. Salate e lasciate cuocere per una mezzora circa finché miglio e quinoa non saranno morbidi, aggiungendo brodo a seconda della necessità, tenendo presente che il risultato finale dovrà essere un composto asciutto.
Lasciate raffreddare un po’ il tutto, poi coprite la pentola con una pellicola da cucina o come vi pare e mettetela in frigo per 3 ore.
Foderate una teglia o la placca del forno con carta da forno oliata, e preparate le polpette compattando palline di cereali tra le mani del diametro di circa 4 centimetri. Oliatele leggermente rotolandole in una ciotolina con poco olio e mettetele sulla teglia. Cuocetele in forno a 200° per circa 15 minuti, finché non le vedrete dorate.

Queste polpette possono essere un ottimo modo per far mangiare ai bambini cereali interi e erbe selvatiche. Io le mangio come piatto unico, insieme a verdure crude in quantità industriale.

La ricetta è tratta da Cucina Naturale – ed. Tecniche Nuove.

Ti è piaciuto questo post? Condividilo!

8 Risposte a Polpettine di miglio, quinoa e ortica

  1. manuela ha detto:

    Fantastica!
    Avevo giusto voglia di provare a cucinare dell’ortica,quest’idea è perfetta! :)

    • Claudia_GranoSalis ha detto:

      E dì la verità, è anche un’occasione per fare fuori il miglio che giace nella dispensa, eh? Per me almeno lo è stata, non sono proprio una fan del miglio, ma in questa ricetta mi piace un sacco! Sarà l’unione con la quinoa…

  2. haru ha detto:

    che delicatezza questa ricetta, è così semplice e sofisticata allo stesso tempo! vorrei provarla subito, ma non posso andare a caccia di ortiche perchè fuori… piove. speriamo che aprile si metta tranquillo, perchè ormai mi prudono le mani, e non per una raccolta imprudente: dall’impazienza! ti faccio sapere se l’opinione cambia una volta provata la ricetta ma dubito che accada.

    • Claudia_GranoSalis ha detto:

      Benvenuta Haru!
      La pioggia affligge anche me, non ne posso più…io sono costretta comunque ad andare nel bosco dietro casa ogni giorno causa cane impaziente di correre, quindi le mie magre raccolte le riesco a fare nonostante il tempo infame.
      Appena esce il sole questa casa la riempio di erbe selvatiche!
      Grazie del commento, ti auguro di provare la ricetta al più presto, vorrà dire che sarai riuscita a farti finalmente una bella passeggiata tra i campi :-)

  3. Lucrezia Stampi ha detto:

    Blog stupendissimo che son proprio contenta di aver scoperto. Ho cliccato mi piace alla pagina fb così rimango aggiornata, e se ci fosse stato un modo per unirmi ai sostenitori, bè,l’avrei fatto! a prestissimo!:)

    • Claudia_GranoSalis ha detto:

      Ciao Lucrezia!
      Grazie per il tuo commento, mi fa piacerissimo :-)
      Se vuoi rimanere ancora più aggiornata, cerca la sezione “Aggiornamenti” nella colonna qui a destra, se clicchi su “Iscriviti” puoi ricevere la mia newsletter.
      Ho fatto un giro anche sul tuo blog, che non conoscevo, è molto bello! Appena riesco me lo spulcio per bene…
      A presto!

  4. cristina ha detto:

    Ciao Claudia che piacere leggere questo blog ricco di ricette sfiziose consigli preziosi e tanta energia gioiosa!Anch io sono amante della cucina leggera e naturale..soprattutto adoro raccogliere le erbe che da me germogliano tardi verso maggio perche abito in montagna! Ti chiedo un consiglio: Se faccio seccare l ortica e la polverizzo posso metterla nell’ impasto delle crepes?..a presto ciao!

    • Claudia_GranoSalis ha detto:

      Ciao Cristina! E che piacere leggere commenti così pieni di entusiasmo come il tuo, grazie!
      Per quando riguarda la tua domanda: assolutamente sì. Un giorno scriverò altri articoli sull’ortica e su quanto sia utile la sua farina, che altro non è che ortica essiccata e polverizzata. Puoi metterla in qualsiasi impasto tu voglia, nelle crepes, nella pasta fresca, nella pizza, nei grissini, e usarla anche per guarnire le insalate o i piatti di verdura, che arricchisce con i suoi nutrienti.
      A presto, e salutami la montagna, che non vedo da troppo, troppo tempo.

Leave a reply