Polpette di bucce di piselli

polpette_piselli_2
Qualcuno, già nello scorso post dedicato alla melissa, si aspettava di veder spuntare la focaccia ai carciofi di cui ho parlato un paio di settimane fa. A qualcun altro nei commenti di quel post ho detto che magari l’avrei pubblicata per il Pasta Madre Day, che per chi non lo sapesse è il 31 maggio, e ora mi trovo a dare clamorosamente buca. Sì, perchè più di un post a settimana, soprattutto in queste settimane, non gliela posso proprio fare a produrli, e come facevo a lasciare indietro questa ricetta squisita di cui vi parlo oggi?! La stagione dei piselli è fin troppo breve e questa chicca ve la dovevo prima che finisse: queste polpettine, oltre ad essere molto ma molto buone, vi permettono di utilizzare ciò che normalmente si scarta in grosse quantità, ovvero le bucce dei piselli. Non sono riuscita a trovare informazioni in giro circa i valori nutrizionali di questi baccelli, ma sono certa che sono ottimi. In ogni caso sono più che commestibili e a livello popolare l’abitudine di cucinarli è ancora abbastanza diffusa.
polpette_piselli_1
La ricetta la devo a Lisa Casali, che l’ha pubblicata sul numero di questo mese di Cucina Naturale. Mi piace moltissimo il lavoro di Lisa, quello che svolge sul suo blog Ecocucina e non solo: intanto perchè è proprio brava, e poi perchè quello che fa e comunica è un ridare valore all’essenziale e una forma di grande rispetto per il cibo e per l’impatto che la sua produzione ha sul nostro pianeta. Il suo libro Autoproduzione in Cucina è stato forse il mio migliore acquisto dell’anno, non farete fatica a capire perchè :-)
Insomma, dicevamo, dopo essere passata da Lucy per fare la mia scorta settimanale di prelibatezze verdi, sono tornata a casa con un bel bustone di piselli appena raccolti, oltre alle prime e totalmente inaspettate ciliegie della stagione e un enorme mazzo di camomilla, che cresce spontanea in mezzo alla loro cicoria e che ora sta essiccando lentamente inondando la casa col suo profumo. Dopo una bella scorpacciata di piselli crudi, ho usato i baccelli vuoti per queste polpette, che avevo già sperimentato la scorsa settimana e che volevo assolutamente farvi conoscere.
piselli
Se avete proprio abbondanza di baccelli, com’è capitato a me, la scorsa settimana Martina ha pubblicato un’altra buona ricetta per nobilitarli, una zuppa cremosa che io stessa ho sperimentato e consiglio, la trovate qui.
E per chi voleva leggere di farine e pasta madre…beh, dovrete pazientare ancora almeno un paio di settimane, che lunedì prossimo ho in programma qualcosa che non posso rimandare. Intanto per avere più informazioni sul Pasta Madre Day del 31 maggio andate a leggere qui, qui invece trovate la mappa degli eventi già organizzati, ce ne sono un sacco in tutta Italia!
polpette_piselli_3

// Polpette di bucce di piselli //

°° Ingredienti °°

  • 350 grammi di baccelli di piselli necessariamente bio o non trattati (peso dei baccelli già sgranati)
  • 4 patate gialle piccole
  • la parte verde di un cipollotto fresco, o in alternativa metà cipolla media
  • 2 cucchiai di farina di ceci
  • abbondanti semi di sesamo
  • olio e.v.d’oliva
  • una spolverata di noce moscata, se vi piace
  • sale
  • pepe
Spazzolate bene le patate sotto l’acqua e cuocetele al vapore intere e con la buccia finchè riuscirete ad infilzarle facilmente con una forchetta: ci vorranno 15-20 minuti. Intanto eliminate dai baccelli il picciolo e i filamenti centrali, lavateli bene e scottateli per 3 minuti nella stessa pentola in cui stanno cuocendo le patate, o comunque nell’acqua che avete usato per cuocerle al vapore. Scolateli e lasciateli freddare qualche minuto.
Mettete i baccelli scottati in un estrattore o una centrifuga insieme alla parte verde del cipollotto: otterrete una crema verde e densa. Se non avete estrattore o centrifuga servitevi di un passaverdure. Schiacciate le patate direttamente con la buccia con uno schiacciapatate e unitele alla crema di piselli in una ciotola. Aggiungete la farina di ceci, sale, pepe e noce moscata, amalgamate bene e lasciate riposare il tutto in frigo per almeno mezzora, ancora meglio mezza giornata o un giorno intero se volete preparare la ricetta in anticipo.
Tirate fuori il composto da frigo e formate delle palline della grandezza di una noce (se vi sembra troppo morbido aggiungete ancora farina di ceci). Schiacciatele leggermente tra le mani e passatele in una ciotolina piena di semi di sesamo. Scaldate qualche cucchiaio d’olio in una padella e cuocete le polpette fino a doratura, più o meno 5 minuti per lato. Servitele subito accompagnate da una bella insalata mista.

Con questa ricetta partecipo alla raccolta di maggio-giugno del blog Oggipanesalamedomani:
raccolta-mag-giu-def1

Ti è piaciuto questo post? Condividilo!

12 Risposte a Polpette di bucce di piselli

  1. Martina ha detto:

    Ma infatti non avevo dubbi che ti avrei perdonato :)
    E tra verde speranza, fiori di camomilla, sfere croccanti e tutto il resto non avrei potuto proprio fare altrimenti!!!
    ps: prima o poi quel libro sarà tra le mie mani!

  2. Francesca P. ha detto:

    Capita anche a me di giocare con le tempistiche delle ricette e di rimandare appuntamenti stravolgendo ordini e archivi… Gino il gelsomino infatti è un po’ offeso, lo tengo sull’attenti da due settimane, vorrebbe conoscervi ma è ancora in panchina… dai, forse ce la facciamo la prossima domenica! :D
    Non sapevo del riciclo delle bucce dei piselli, mi piaci perchè istighi la mia voglia di verde dandomi spesso delle chicche nuove… poi se si parla di polpette arrivo velocissima, anche più di Ulisse!
    Vorrei partecipare al Pasta Madre Day, non posso farlo praticamente ma con il pensiero sì, sono molto molto vicina a tutte voi impastatrici brave che hanno tanto da insegnarmi!

    • Claudia_GranoSalis ha detto:

      Ma infatti io Gino lo aspetto da un bel po’! Ma ho pazienza, anche perchè quello che pubblichi nel frattempo fa dimenticare l’attesa :-)
      Felice di darti nuove ispirazioni, questa ricetta va provata davvero, io la trovo ottima. E poi sì, è decisamente verde, in molti sensi!

  3. MARI ha detto:

    Avevo adocchiato anch’io quelle polpettine fantastiche su Cucina Naturale, ma i baccelli che avevo a disposizione, mi sembravano non troppo teneri per tentare la ricetta. Chissà! magari domani trovo quelli che mi ispirano di più e ci provo anch’io. Queste tue polpettine hanno un aspetto delizioso! :-)

    • Claudia_GranoSalis ha detto:

      Te lo consiglio davvero Mari, se ti ha ispirata non è a caso…sono buonissime! Ho fatto un impasto abbondante l’ultima volta e l’ho congelato, sono curiosa di vedere se rende lo stesso e sperimentare anche la cottura in forno, che secondo me ci sta bene…poi aggiorno il post e vi dico!

  4. piccola mela ha detto:

    Io di questi tempi ne ho parecchi di baccelli in disavanzoe cercavo giusto qualche ricetta interessante per sfruttarli a dovere…peccato solo non avere una centrifuga!
    Io però la voglio vedere la focaccia ai caciofi!Mi siederò qui in un angolo ad aspettare pazientemente ;)

    • Claudia_GranoSalis ha detto:

      Mannaggia, ho creato troppa aspettativa su questa focaccia, e mo’ se mi viene male?
      Per i baccelli puoi usare anche un normale passaverdure: per la ricetta di Martina che ho citato nel post (ottima anche quella, da provare!) io ho usato quello ed esce lo stesso una bella cremina densa. Quindi vai tranquilla così, la quantità di baccelli da passare non è enorme e si fa presto lo stesso. Anzi, l’estrattore di succhi è talmente rognoso da pulire che forse tutto sommato il tempo è lo stesso!

  5. La Balenavolante ha detto:

    Ciao Claudia, come stai?
    Non ho ancora comprato il libro di Lisa, dopo aver letto il tuo post mi sono chiesta cosa sto aspettando.. ?? Ricetta sicuramene squisita e utile, mi piace pensare di limitare al massimo gli ‘scarti’, soprattutto in cucina! Molte conoscenze si sono perse per strada, libri e post come questo sono davvero preziosi!
    Un bacione
    Lucy

    • Claudia_GranoSalis ha detto:

      Vale la pena Lucy, non posso che consigliare l’investimento. Sul sito della Feltrinelli fino alla scorsa settimana era pure in sconto, vacci a guardare!
      Un bacione a te :-)

  6. Peanut ha detto:

    Sai che il numero di cucina naturale di cui parli ce l’ho pure io eppure non so èerchè non le avevo notate, dato che appena le ho viste sulla pagina facebook di GranoSalis ho sgranato gli occhi e mi sono leccata i baffi :D
    ribadisco l’impressione iniziale, anche se qui di solito gli scarti finiscono comunque in buone..zampe (quelle delle galline), non mi dispiacerebbe affatto accumulare un po’ di baccelli di proposito e farne queste buonissime polpette :)
    un abbraccio Claudia!

    • Claudia_GranoSalis ha detto:

      Beh, sono onorata di sapere che una mia immagine ti abbia colpita più di quelle di cucina naturale, che secondo me sono bellissime! Grazie Peanut :-)
      E sì, ti consiglio decisamente di derubare le galline di qualche baccello, vale la pena! Un abbraccio a te.

Leave a reply