Insalata cruda di cavolo nero e tarassaco con salsa al tahin e miso


Questo settembre appena passato mi è piaciuto parecchio. L’afa e l’aridità della passata stagione sono state spazzate via da piogge e temporali, colorando di nuovo di verde i prati, disegnando nel cielo nuvole dai contorni decisi e rendendo l’aria estremamente piacevole e leggera. Mi piace l’equilibrio della primavera e dell’autunno, mi ci sento a mio agio.
Di solito si raccoglie in primavera, ma la scorsa settimana in giro ho trovato delle piante giovani e verdissime di tarassaco, che ho unito in un’insalata autunnale con le prime foglie di cavolo nero.

Dopo la primavera, l’autunno è la stagione migliore per depurare e disintossicare il corpo, quindi il tarassaco non sta ricrescendo a caso…è infatti una delle migliori piante depurative che la terra spontaneamente ci offre. Cito dal solito “Tuttoerbe”: “[la pianta del tarassaco] viene indicata come efficace tonico del fegato, come stimolante del deflusso della bile, come efficace stomachico capace di stimolare l’appetito e favorire a digestione, oltreché di essere un buon lassativo e favorire il dissolversi dei calcoli della cistifellea” Ha inoltre un marcato effetto diuretico, tant’è che nella tradizione popolare, tra i suoi vari altri nomi come dente di leone, soffione o cicoria selvatica viene anche chiamato “piscialletto”. Il cavolo nero, poi, vanta pure lui parecchie proprietà, specie se consumato crudo, come anche il tarassaco e in generale qualsiasi cosa che cresca dalla terra. Oltre a contenere notevoli quantità di vitamine A e C e di sali minerali come il potassio e l’acido folico, è particolarmente ricco di indoli, sostanze studiate, oltre che per le loro proprietà antitumorali, anche per la prevenzione di varie malattie degenerative dell’apparato digerente, dell’ulcera gastrica e delle coliti ulcerose.
La ricetta dell’insalata l’ho presa dal blog di Kate, rivisitandola, mentre la ricetta della salsa viene da Good Things Grow.

Insalata cruda di cavolo nero e tarassaco con salsa al tahin e miso

°° Ingredienti °°

Per l’insalata:

  • un mazzetto di cavolo nero
  • un mazzetto di foglie fresche di tarassaco
  • 3 carote
  • una manciata di semi di sesamo

Per la salsa al tahin e miso:

  • 60 ml di tahin chiaro
  • la scorza grattuggiata di un limone
  • 1 cucchiaino di miso non pastorizzato
  • 2 spicchi d’aglio tritati
  • 2 cucchiai di prezzemolo fresco tritato
  • un pizzichino di pepe rosso di cayenna
  • acqua quanto basta
La salsa si prepara semplicemente miscelando insieme tutti gli ingrendienti in una ciotolina, aggiungendo poca acqua fino ad ottenere una cremina liquida. La salsa che avanzerà si può conservare in frigorifero per una settimana.
Eliminate la costa centrale dalle foglie di cavolo, manualmente o servendovi di un coltellino. Affettate grossolanamente le foglie su un tagliere, poi mettetele in una ciotola, cospargetele con poco sale e massaggiatele con le mani, in modo da rendere il cavolo più morbido.
Mettete le foglie di cavolo in un’insalatiera e aggiungete le foglie di tarassaco (se sono abbastanza giovani non c’è bisogno di tagliarle), poi pelate le carote e tagliatele a strisce direttamente nell’insalatiera con un pelaverdure. Cospargete di semi di sesamo, aggiungete 3-4 cucchiai di salsa e mischiate.

Il gusto di quest’insalata è piuttosto pungente e amarognolo, ma le carote la addolciscono abbastanza. Se usate il miso bianco avrete una salsa più delicata, in quel caso potete aumentare la dose nella ricetta della salsa a un cucchiaio.

Con questa ricetta partecipo a:

Ti è piaciuto questo post? Condividilo!

Leave a reply