Gnocchi di patate gluten-free e pure vegan!

gnocchi_glutenfree_1_small
Ci tenevo a rifare e fotografare questa ricetta prima che arrivassero le patate novelle, che come molti di voi ben sapranno sono poco adatte alla “gnocchificazione” dato il maggior contenuto di acqua. Con le ultime patate vecchie mi sono appena preparata, in pochissimo tempo, e divorata un bel piatto di gnocchi di patate senza glutine, conditi con una salsina buonissima che poi vi dico. Gli gnocchi, quelli classici, ve li ho già preparati tempo fa, raccontandovi di quanto da bambina fossero il mio piatto preferito in assoluto e di quanto entrambe le mie nonne fossero abilissime nella loro preparazione. Nonne che se mi vedessero ora, una da lassù e una da quaggiù, con i suoi 91 anni appena compiuti, mi direbbero probabilmente: “Ma perchè mai negli gnocchi non dovresti metterci la farina di grano?!”. Eh, nonne mie, voi siete cresciute mangiando poco ma bene, le generazioni successive però, oltre a mangiare troppo, si sono ritrovate inconsapevolmente a mandare giù alimenti all’apparenza belli e buoni ma in realtà impoveriti, modificati, raffinati e zeppi di veleni, che qualche conseguenza l’hanno avuta, tra cui il dilagare di celiachia e intolleranza al glutine. Non è il mio caso, per fortuna, ma i farinacei da qualche anno ho iniziato a limitarli molto, e quando li mangio cerco di usare sempre le migliori farine, rese di nuovo disponibili da piccoli e virtuosi produttori.
gnocchi_glutenfree_2_small
Questi gnocchi li ho già preparati tempo fa dopo averli visti da Giulia, che si trovava per l’appunto a dover fare i conti con una diagnosi fresca fresca di intolleranza al glutine, oltre che ai latticini. Quando li ho sperimentati ero incredula: gli gnocchi erano perfetti e ancora più facili da preparare della versione classica. Il sapore, più che altro la consistenza, non sono uguali, ma sono molto molto buoni e c’è addirittura chi li preferisce agli gnocchi tradizionali. Al posto della farina si usa la fecola e per un chilo di patate ne bastano solo 100 grammi. Sia Giulia che Sonia, che poco tempo dopo li ha riproposti sul Pasto Nudo, hanno cotto le patate in forno e hanno aggiunto un uovo all’impasto: io ho voluto cuocere le patate a vapore, per risparmiare tempo ed economizzare, e l’uovo non l’ho proprio calcolato, tanto che quando tempo dopo ho consigliato la ricetta a quella bellezza di Lucy (il suo blog si chiama La Balena Volante, lo conoscete già? Se non lo conoscete andate a rimediare subito, che merita!) che è vegana, mi sono vista replicare “Ho solo un dubbio, come posso sostituire l’uovo? O basta ometterlo?”…”Ah sì, c’è l’uovo?”, ho risposto io. Insomma, avevo proprio scartato l’informazione e a dirvela tutta io qui l’uovo lo trovo ancora più superfluo che nella versione classica, perché l’impasto lega subito che è una meraviglia. Anche la cottura a vapore, pur lasciando le patate leggermente più umide rispetto alla cottura al forno, non pregiudica assolutamente la riuscita dello gnocco, ci si mette 10 minuti a cuocerle invece che 50-60, si risparmia energia e si evita la sbucciatura delle patate cotte, che è sempre più scocciante rispetto a pelarle a crudo. Insomma, provate, poi ditemi se non sono buonissimi e supersemplici da preparare!
Per il condimento ho usato una ricetta del papà del mio compagno, pugliese verace trapiantato a Milano, amante del buon cibo e bravo cuoco. Gabriele me ne ha talmente tessuto le lodi che praticamente sotto le righe mi stava bersagliando di “me-la-prepari-stasera-ti-prego-ti-prego-ti-pregooooo!?!?!”. Ne ho fatta in abbondanza e l’ho congelata, per poi usarla anche su questi gnocchi e trovarla perfetta. É a base di carciofi, piselli e porcini secchi ed è una delizia su qualsiasi tipo di pasta fresca, anche ripiena, meno adatta alla classica pasta, ma anche sì.
Un ultimo appunto prima della ricetta: le dosi sarebbero pensate per quattro, ma noi questi ce li mangiamo in due, e non ci sembrano troppi…insomma, io per 4 raddoppierei le dosi! Il condimento invece, soprattutto se usate dei carciofi enormi come quelli che ho trovato io, è abbondante, se avanza potete congelarlo.
gnocchi_glutenfree_small

// Gnocchi di patate gluten-free e vegan //

°° Ingredienti °°

Per gli gnocchi:

  • un chilo di patate gialle o rosse, non novelle
  • 100 grammi di fecola di patate più altra per la lavorazione
  • una grattugiata di noce moscata
  • un pizzico di sale

Per la crema di carciofi e porcini:

  • 4 carciofi
  • 30 grammi di funghi porcini secchi
  • 2-3 manciate di piselli freschi o surgelati
  • 2 cipollotti freschi o una cipolla secca
  • olio e.v.d’oliva
  • sale marino integrale
Pelate le patate, tagliatele a tocchettini piccoli e cuocetele a vapore fino a che potrete infilzarle facilmente con una forchetta, ma senza farle andare troppo: ci vorranno 10-15 minuti. Lasciatele raffreddare, poi schiacciatele in una ciotola con uno schiacciapatate.
Unite alle patate schiacciate i 100 grammi di fecola, una grattugiata generosa di noce moscata e un pizzichino di sale (questa cosa di aggiungere il pizzico di sale agli impasti mi è rimasta dal mio corso di cucina macrobiotica: quel tocco di yang che fa contrarre, quindi che fa legare l’impasto. Sarà vero? Io continuo a metterlo sempre :-) Ma il sale vero lo aggiungo solo in cottura). Amalgamate bene il tutto con le mani e trasferitevi su una spianatoia spolverata di fecola. Formate velocemente la vostra palletta, tagliatene un pezzo per volta e formate dei piccoli cilindri di impasto, che taglierete a tocchettini. Spolverateli di fecola, arrotolate ogni tocchettino velocemente e delicatamente tra le mani e poggiateli su un vassoio di carta, sempre spolverato di fecola.
Preparate il condimento: ammollate i porcini in acqua fresca per 20 minuti; pulite i carciofi, tagliateli a spicchi sottili e tuffateli in acqua acidulata con succo di limone. Pulite anche i gambi, che al momento dell’utilizzo taglierete a rondelle sottili. Fate imbiondire la cipolla tritata in un tegame ampio (io ho usato il wok) con un filo d’olio d’oliva e un pizzico di sale. Aggiungete i carciofi sgocciolati, poi i piselli e infine i porcini ben strizzati e grossolanamente tritati, senza buttare l’acqua di ammollo.
Lasciate insaporire 5 minuti, salate e aggiungete un po’ di acqua di ammollo dei funghi. Coprite e lasciate cuocere 20-30 minuti, il tempo di far intenerire i carciofi, non lasciando mai asciugare completamente l’acqua. A questo punto frullate tutto o passatelo con un passaverdure per ottenedere una crema né troppo densa né troppo fluida: se serve allungatela con altra acqua. Cuocete gli gnocchi in acqua bollente salata fino a che non li vedrete salire a galla, scolateli con una schiumarola e uniteli al condimento di carciofi e porcini.
Ti è piaciuto questo post? Condividilo!

24 Risposte a Gnocchi di patate gluten-free e pure vegan!

  1. Martina ha detto:

    Questa “gnochifizzazione” (assunto a neologismo del 2015) con la fecola si era incapsulata tra i meandri del mio cervellino già da un po’; e siccome giusto per ribadire il concetto “dei segnali che non si possono ignorare”, è giunto il momento che mi metta presto all’opera (anche perché il passaggio a vapore è molto più veloce di quello in forno)!
    E poi con questo condimento fantastico (che quasi quasi faccio prima quello degli gnocchi vuoi vedere?!)… ti prego me ne spedisci un piatto fumante, ti pregoooo!!! ;)

  2. Claudia ha detto:

    Eheheh, Martina, se guardi bene il tuo commento hai creato un nuovo neologismo sul mio neologismo :-)
    Te lo manderei subito il piatto fumante, giuro!! Ma sei così abile che lo replicherai anche meglio di me, basta seguire i segnali (e la cottura a vapore, che rende tutto moooolto più facile!)
    Bacioni!!

    • Martina ha detto:

      Madonniana santa, se fossi una professoressa di italiano a quest’ora avrei fatto un buco nel foglio a furia di sottolineare e cerchiare con la penna rossa!!!!
      … che la fretta è una cattiva compagna!!!

  3. Francesca P. ha detto:

    Hai presente i bambini che si tuffano in quei box pieni di palline colorate? Ecco, io farei lo stesso con questi gnocchi, l’istinto è nato appena ho visto la prima foto! Oppure ci giocherei come le biglie, disegnando piste e curve con la fecola… :-) Mi piace anche il condimento, il carciofo primaverile che saluta il porcino lasciandosi una stagione alle spalle…
    Qui succede lo stesso: le dosi di gnocchi, chissà perchè, vanno moltiplicate perchè un pois tira l’altro… quindi per me prepara pure, ehm, circa 20 ciotoline di legno! :D

    • Claudia ha detto:

      Ho avuto un po’ la stessa sensazione nel prepararli e nel riguardarmi queste foto…sono troppo carini! Giulia, nel suo post su Jul’s Kitchen, dice che in Toscana li chiamano anche “topini”, lo trovo un nome adattissimo per sottolineare la loro vergognosa tenerezza.
      Io moltiplico eh, guarda che se poi non fai la scarpetta mi offendo! ;)

  4. Mari ha detto:

    Bè! i gnocchi devono essere buoni, morbidi anche senza uovo, ma quello che mi lascia con l’acquolina in bocca è il condimento super di carciofi, piselli e porcini! C-H-E- G-O-D-U-R-I-A!!! da rifare! subitissimissimo!!! ;-)

  5. labalenavolante ha detto:

    Mitica sei! Ricordo il nostro scambio di idee e ricette per ottenere lo gnocco perfetto vegano e senza glutine ihihih… non so quanti tentativi ho fatto!!! Alla fine avevo trovato una ricetta a base di riso vialone e patate, prima di arrivare a questa grazie a te!! E’ incredibile quanti piatti siano non solo veganizzabili, ma anche facilmente sglutinizzabili!!! Sulle dosi, con noi sfondi una porta aperta… visto che per noi è normale mangiare in due quello che normalmente mangerebbero in 4… ihihihi ;-)))))))

  6. bon, non mi rimane che provare così, risparmiando tempo, energia e… un uovo! :)
    bellissima interpretazione!

    • Claudia ha detto:

      Quando hai poco tempo questa versione è ottima! Grazie Juls, per la tua ispirazione e per il tuo saluto ;) E a proposito, spero che la tua intolleranza vada meglio…

  7. Daria ha detto:

    Neppure io ho mai provato questa versione con la fecola anche se ricordo di averla letta anche da qualche altra parte… devo decidermi a provarla, penso che anche le mie due golosone di gnocchi l’apprezzeranno, mi sembra superbo il risultato cosicome il sugo che li accompagna!

  8. Chiara ha detto:

    Io con gli gnocchi ho sempre avuto poca fortuna, non ho mai trovato una ricetta che mi soddisfacesse…me li segno così magari questa è la volta buona. Mi incuriosisce molto anche il condimento, soprattutto l’accostamento, per me inconsueto, carciofi e funghi secchi.
    un abbraccio, Chiara

    • Claudia ha detto:

      Che poi nulla vieta, se si hanno a disposizione, di usare anche i porcini freschi, credo venga ancora più buono! Ti auguro di avere fortuna con questa ricetta, se vuoi fammi sapere ;)

  9. Francesca ha detto:

    Belli e buoni questi gnocchi! :) complimenti per le foto sei bravissima. Vengo dal post di Erbaviola sulla frugalità, il tuo commento è sotto il mio! ;) buona serata

    • Claudia ha detto:

      Francesca, grazie! Per i tuoi complimenti e per questa visita, vuol dire che hai ben recepito che il mio commento da Grazia non si riferiva a te :D
      Buona giornata e a presto!

  10. cristina ha detto:

    che bel piatto… e concordo pienamente sulla differenza generazionale dell’alimentazione .. bisogna tornare indietro per andare avanti e riguadagnare quello che abbiamo perso in qualità del cibo e della vita!
    p.s. non vedo l’ora di cominciare il corso sul Riconoscimento delle erbe spontanee alla bottega di Stigliano…con te… manca poco!!
    a domenica !

    • Claudia ha detto:

      Ciao Cristina! Sì, manca pochissimo, pure io sono contenta di poterlo fare proprio lì, c’è un’abbondanza incredibile di piante! A domenica allora, grazie della visita :)

  11. Valentina ha detto:

    Li ho provati stasera ma dividendo la dose delle patate con metà di zucca!!li ho conditi solo con dell’olio evo aromatizzato al rosmarino e salvia!!
    Hai ragione la consistenza non è la stessa di quelli tradizionali ma sono buonissimi lo stesso!!!grazie per la ricetta!!!:)

    • Claudia ha detto:

      Grazie a te per lo spunto che mi dai per una buonissima variante, la proverò senz’altro! Ma non ancora, la zucca rischia di calarmi troppo prepotentemente nell’autunno, e nonostante in questi giorni il clima sia quello, voglio restare attaccata all’estate ancora un pochino :)

  12. Tina Laera ha detto:

    Leggendo i commenti tutti hanno intenzione di provare questi gnocchi di patate , bene io li ho fatti oggi per pranzo , e tutta orgogliosa posso dire che non immaginavo, mi sono fidata ma sono una favolosa porcheria per non dire altro , unica cortezza che posso usare e di non provare neanche,sicuramente chi li ha pubblicati non li avrà mai nangiato

  13. Tina Laera ha detto:

    Grande porcheria di gnocchi

    • Claudia ha detto:

      Urca, quanto livore per un piatto di gnocchi :) Che dirti Tina, i gusti so’ gusti, a me (che me li sono mangiati dopo averli fotografati, non li ho mica buttati nel cestino) sono piaciuti, così ho voluto condividerli, soprattutto per chi non può più assumere glutine…l’importante è non arrivare a sentirsi “traditi” in questo modo, è solo una ricetta :)

Leave a reply