Archivi per la Categoria: Dolci

Burro di mandorle fatto in casa

burro_mandorle
Sono di poche parole ultimamente, forse perchè passo troppo tempo al computer ad arrovellarmi il cervello e ingobbirmi sullo schermo per modificare il codice del futuro nuovo template di Granosalis. Nonostante lo sbrocco che mi viene quando non riesco a fare delle cose, cercando disperatamente la dicitura giusta per spostare più in alto o più in basso quel box newsletter maledetto, con la finestra di Firefox aperta per esplorare il codice e altre 15 finestre che affacciano su forum di smanettoni, provo un insano piacere quando riesco magicamente a muovere un certo elemento, cambiare colore a un altro, allineare il testo di qua o di là. read more

Biscotti friabili senza zucchero

biscotti_sugarfree
Questa ricetta è per Francesca, che è da poco approdata qui e che sulla pagina facebook di GranoSalis, oltre ad avermi fatta gongolare dichiarando il suo innamoramento per il blog, mi ha chiesto se avessi pubblicato ricette di biscotti semplici senza zucchero, che voleva cucinare per la sua bambina. E resami conto che non ce n’era neanche l’ombra nella categoria dei dolci, ho deciso di rimediare subito e di tirare fuori qualcosa di buono, che magari oltre a lei può interessare pure a qualcun altro.read more

Archeologia Arborea e una crostata di frutti antichi

mele
La prima volta che sono andata a visitare il posto splendido di cui vi parlo oggi era fine agosto. Sono partita da casa di mattina presto per arrivare alla stazione di Arezzo, caricare in macchina Jessica, mia sorella d’anima e appassionata erborista, con il suo amico Stefano, guida turistica estremamente curiosa e piantatore di alberi, e dirigerci verso San Lorenzo di Lerchi, vicino Città di Castello in provincia di Perugia, dove si trova l’antico casale sede della fondazione Archeologia Arborea.read more

Il pan co’ santi a lievitazione naturale

pancosanti
Questa non è una ricetta tradizionale per me, decisamente no, ma lo sta pian piano diventando. Sì, perché è una di quelle che da quando ho iniziato a tirare giù qualche radichetta nella meravigliosa provincia di Siena mi ha subito rapita per la sua bontà e semplicità.
Il Pan cò santi è un dolce tipicamente senese che si prepara a cavallo della festa di Ognissanti. Si inizia a trovarlo nei forni già a fine settembre e la sua presenza perdura fino ad essere spazzata via dai prepotenti dolci natalizi. La ricetta ha una lunga tradizione nella provincia, dove, in occasione della preparazione del pane per la settimana, parte dell’impasto lievitato veniva arricchito con i santi, appunto, cioè noci e uva passa, che a novembre sono freschi di raccolto. Una ricetta povera, sempre se le noci sono di produzione propria, come nel caso delle famiglie contadine toscane di una volta.read more

LA focaccia con l’uva

focaccia_uva_3
Ve l’avevo promessa una bella ricetta con l’uva che fa tanto vendemmia toscana ed eccola qua! Aspé, non ho capito, che dite? Vi ricorda qualcosa? Vi sembra di aver già visto qualcosa di simile, cari affezionatissimi? Mannaggia come siete attenti, non vi si può nascondere niente…ebbene sì, ho già pubblicato una focaccia con l’uva due anni fa, dopo la mia prima vendemmia. Ero rimasta folgorata dalla morbidezza sconvolgente di quella focaccia senza impasto e ci avevo voluto aggiungere un pizzico di autunno. Ma che vi devo dire, il tempo è passato, adesso impasto di nuovo col lievito madre e soprattutto è successo che un giorno qualcuno, in vigna, abbia portato un vassoietto con una focaccia all’uva s-t-r-a-t-o-s-f-e-r-i-c-a, prodotta da un ottimo forno della zona. read more

Torta crudista goduriosissima alle more

torta_crudista_more
Sono pessima, lo so…è il 29 settembre, l’equinozio è ormai passato, l’autunno è ufficialmente qui e io…posto una ricetta tremendamente estiva, una torta fredda, a base di frutta (e appena la settimana scorsa ho postato un gelato!). Sarà che l’estate non voglio proprio lasciarla andare, sarà che non mi rassegno a rifare la catasta di legna per l’inverno, sarà che il cambio di stagione lo detesto (e infatti ogni anno mi riduco a farlo più o meno a dicembre, quando davvero di lasciare canottiere nei cassetti non è più il caso). Sarà che questa torta, oltre ad essere tremendamente estiva, è tremendamente buona. read more

Gelato di more e banane

gelato_more_banane
Le avete raccolte le more? Le avete congelate come vi ho suggerito la scorsa settimana? Se non l’avete fatto e se le more lì da voi ci sono ancora, siete in tempo: raccogliete, mettete in freezer e poi tornate qua, che se ancora non fa troppo freddo ci prepariamo un bel gelato facile facile e 100% vegetale, senza gelatiera, senza attrezzi strani, solo un buon frullatore e 2 semplici ingredienti.read more

Muffin con more di gelso bianche

muffin_gelsi_1
Il sole è tornato ad esserci amico proprio a cavallo del solstizio d’estate, regalandoci un clima secondo me perfetto, né troppo caldo né troppo freddo. Si può restare così per altri 6 mesi? Mi sta venendo una gran voglia di mare, ma visto che ce l’ho parecchio lontano e non ho nessuna voglia di farmi oltre un’ora e mezzo di macchina per andare e tornare, che ultimamente in macchina ci sono stata un po’ troppo, mi accontenterò della mia campagna dedicandomi ai raccolti di erbe tradizionali del solstizio, come ad esempio l’iperico, con cui quest’anno voglio fare una tintura madre. In attesa che, calato un po’ il sole, sia il momento di salire in bici e andare a raccogliere i miei fiori, vi passo questa ricetta buona buona. Non mangio molti dolci in estate, che la frutta meravigliosa di questo periodo soddisfa quasi ogni mia voglia, ma le giornate piovose e più fredde delle scorse settimane, insieme ad un raccolto inaspettato, mi hanno riportata verso il forno.read more

Frittelle dolci di fiori di sambuco e acacia

frittelle_sambuco
Sono di ritorno dal laboratorio di impasto fatto in piazza ad Asciano, quello che vi dicevo la settimana scorsa. É stato bello, disordinato e caotico come tutte le situazioni di piazza, pieno di sole e di gente intorno, comprese 6 piccole mani di bambini entusiaste di pasticciare con acqua e farina. É valsa la pena pulire e cuocere tutti quei 65 carciofi per il ripieno della focaccia il giorno prima, e ho anche trovato a chi spacciare la mia pasta madre, ormai convertita allo stato liquido (ma quanto è più comoda e reattiva?), che benché sia 90enne è ancora bella arzilla e pare avere una gran voglia di viaggiare. La ricetta di ciò che abbiamo preparato è lì pronta per voi, ma non subito, che oggi voglio fare un’altra cosa prima che scompaiano i fiori di sambuco e di acacia dalla circolazione. read more

Budino semplicissimo di pere e cacao

budino_pere_cioccolato
Qualche giorno fa la natura intorno mi faceva pensare a quanto ogni stagione, anche la più difficile, abbia insita in sé un’infinita bellezza e poesia. Così l’inverno, e questo inverno, così insolitamente mite e piovoso, avido di temperature sotto zero, di cui forse avrebbe gran bisogno. Lo pensavo guardando gli scheletri bianchi dei pioppi sovrapporsi tra di loro, e quelli rossi dei salici, solitari in mezzo ai campi arati, illuminati dal primo sole del mattino sullo sfondo di un cielo grigio intenso, presagio della prossima pioggia. Sulla terra argillosa un velo verde giovane e brillante, quello del grano appena nato, quasi un intruso con la sua intensità vitale in mezzo agli alberi spogli e ancora addormentati. Una gioia per gli occhi, questa vista, e una carezza per l’anima. Allo stesso modo hanno la loro bellezza e poesia tutte le stagioni della vita, e le stagioni dentro le stagioni. read more