Archivi per la Categoria: Dolci

LA focaccia con l’uva

focaccia_uva_3
Ve l’avevo promessa una bella ricetta con l’uva che fa tanto vendemmia toscana ed eccola qua! Aspé, non ho capito, che dite? Vi ricorda qualcosa? Vi sembra di aver già visto qualcosa di simile, cari affezionatissimi? Mannaggia come siete attenti, non vi si può nascondere niente…ebbene sì, ho già pubblicato una focaccia con l’uva due anni fa, dopo la mia prima vendemmia. Ero rimasta folgorata dalla morbidezza sconvolgente di quella focaccia senza impasto e ci avevo voluto aggiungere un pizzico di autunno. Ma che vi devo dire, il tempo è passato, adesso impasto di nuovo col lievito madre e soprattutto è successo che un giorno qualcuno, in vigna, abbia portato un vassoietto con una focaccia all’uva s-t-r-a-t-o-s-f-e-r-i-c-a, prodotta da un ottimo forno della zona. read more

Torta crudista goduriosissima alle more

torta_crudista_more
Sono pessima, lo so…è il 29 settembre, l’equinozio è ormai passato, l’autunno è ufficialmente qui e io…posto una ricetta tremendamente estiva, una torta fredda, a base di frutta (e appena la settimana scorsa ho postato un gelato!). Sarà che l’estate non voglio proprio lasciarla andare, sarà che non mi rassegno a rifare la catasta di legna per l’inverno, sarà che il cambio di stagione lo detesto (e infatti ogni anno mi riduco a farlo più o meno a dicembre, quando davvero di lasciare canottiere nei cassetti non è più il caso). Sarà che questa torta, oltre ad essere tremendamente estiva, è tremendamente buona. read more

Gelato di more e banane

gelato_more_banane
Le avete raccolte le more? Le avete congelate come vi ho suggerito la scorsa settimana? Se non l’avete fatto e se le more lì da voi ci sono ancora, siete in tempo: raccogliete, mettete in freezer e poi tornate qua, che se ancora non fa troppo freddo ci prepariamo un bel gelato facile facile e 100% vegetale, senza gelatiera, senza attrezzi strani, solo un buon frullatore e 2 semplici ingredienti.read more

Muffin con more di gelso bianche

muffin_gelsi_1
Il sole è tornato ad esserci amico proprio a cavallo del solstizio d’estate, regalandoci un clima secondo me perfetto, né troppo caldo né troppo freddo. Si può restare così per altri 6 mesi? Mi sta venendo una gran voglia di mare, ma visto che ce l’ho parecchio lontano e non ho nessuna voglia di farmi oltre un’ora e mezzo di macchina per andare e tornare, che ultimamente in macchina ci sono stata un po’ troppo, mi accontenterò della mia campagna dedicandomi ai raccolti di erbe tradizionali del solstizio, come ad esempio l’iperico, con cui quest’anno voglio fare una tintura madre. In attesa che, calato un po’ il sole, sia il momento di salire in bici e andare a raccogliere i miei fiori, vi passo questa ricetta buona buona. Non mangio molti dolci in estate, che la frutta meravigliosa di questo periodo soddisfa quasi ogni mia voglia, ma le giornate piovose e più fredde delle scorse settimane, insieme ad un raccolto inaspettato, mi hanno riportata verso il forno.read more

Frittelle dolci di fiori di sambuco e acacia

frittelle_sambuco
Sono di ritorno dal laboratorio di impasto fatto in piazza ad Asciano, quello che vi dicevo la settimana scorsa. É stato bello, disordinato e caotico come tutte le situazioni di piazza, pieno di sole e di gente intorno, comprese 6 piccole mani di bambini entusiaste di pasticciare con acqua e farina. É valsa la pena pulire e cuocere tutti quei 65 carciofi per il ripieno della focaccia il giorno prima, e ho anche trovato a chi spacciare la mia pasta madre, ormai convertita allo stato liquido (ma quanto è più comoda e reattiva?), che benché sia 90enne è ancora bella arzilla e pare avere una gran voglia di viaggiare. La ricetta di ciò che abbiamo preparato è lì pronta per voi, ma non subito, che oggi voglio fare un’altra cosa prima che scompaiano i fiori di sambuco e di acacia dalla circolazione. read more

Budino semplicissimo di pere e cacao

budino_pere_cioccolato
Qualche giorno fa la natura intorno mi faceva pensare a quanto ogni stagione, anche la più difficile, abbia insita in sé un’infinita bellezza e poesia. Così l’inverno, e questo inverno, così insolitamente mite e piovoso, avido di temperature sotto zero, di cui forse avrebbe gran bisogno. Lo pensavo guardando gli scheletri bianchi dei pioppi sovrapporsi tra di loro, e quelli rossi dei salici, solitari in mezzo ai campi arati, illuminati dal primo sole del mattino sullo sfondo di un cielo grigio intenso, presagio della prossima pioggia. Sulla terra argillosa un velo verde giovane e brillante, quello del grano appena nato, quasi un intruso con la sua intensità vitale in mezzo agli alberi spogli e ancora addormentati. Una gioia per gli occhi, questa vista, e una carezza per l’anima. Allo stesso modo hanno la loro bellezza e poesia tutte le stagioni della vita, e le stagioni dentro le stagioni. read more

Vegan pancakes allo sciroppo di melograno

pancakes
Avete presente Pinterest? Quel concentrato diabolico di immagini stupende provenienti da ogni dove? Io, vi dico la verità, cerco di evitarlo il più possibile, perché se inizio a girarci dentro non ne esco più e rischio di perdere le mie giornate a farmi sovrastimolare dalla abnorme mole di informazioni, anche visive per l’appunto, che offre internet, per quanto possa essere eccezionale avere questa possibilità e questa fonte inesauribile da cui attingere per conoscere, prendere ispirazione, studiare o anche semplicemente bearsi delle splendide immagini che vengono prodotte ogni giorno in ogni luogo. Talmente è grande questa ricchezza che alle volte rischia di essere troppa, e almeno per me è sempre necessario a un certo punto dare uno stop e uscire a guardare immagini vere con i miei occhi. read more

Sciroppo di melograno e lecca-lecca fatti in casa – Doppia Autoproduzione di Novembre e annuncio contest!

lecca-lecca
Vi ho stupito, eh?! Una doppia autoproduzione questo mese, che pare tanto laboriosa a vederla ma così laboriosa non è. Volevo fare qualcosa di particolare e che si prestasse ad essere infiocchettato e regalato, e tutto ciò perchè questo post si lega ad un annuncio speciale che è un contest. Mio? Nooooo…meglio! Sono stata chiamata a fare da giuria ad un contest molto bello e particolare, che arriva per festeggiare il primo compleanno del blog di Mari, Cucina verde dolce salata. Mi ha fatto un enorme piacere ricevere la sua mail in cui mi ha chiesto di partecipare, insieme ad altre 3 foodblogger che poi vi dico, alla scelta del vincitore della sfida culinaria che ha pensato di proporre a voi tutte e tutti. Ora, già mi stuzzica parecchio l’idea di esaminare le ricette una ad una e scegliere la migliore (oh, se volete ci sono anche per contest fisici eh! Di quelli che si mangia, si beve, si assaggia ogni sorta di delizia e poi si alza la paletta con il voto. Tenetemi presente!), ma la cosa mi piace ancora di più per l’argomento che Mari ha scelto, che ha a che fare proprio con l’autoproduzione. read more

Castagnaccio

castagnaccio
Finchè sono in Toscana, mi viene spontaneo esplorare un po’ dei piatti tradizionali di questa terra bellissima che mi ha adottata da 3-4 anni. Chissà dove potrei finire tra una manciata di mesi o poco più! Finchè sono qui approfitto degli splendidi paesaggi, della terra generosa, dei buonissimi prodotti del territorio e della vista delle colline dolci e sinuose che in questa stagione sono davvero il massimo, con la nebbia bassa nelle mattinate di sole o la luce contrastata e intensa del tramonto tra le zolle color argilla. Riguardo alla cucina tradizionale toscana, ho in testa un articolo con uno special guest che pensavo di fabbricare il prossimo mese…credo sarà parecchio divertente per me farlo e spero interessante per voi leggerlo :-)read more

Vegan muffin integrali alle fragole

muffin_fragole
Maggio è il mese in cui sono nata. L’anno scorso è stato il mio trentesimo compleanno e questo blog era lì che girava nella testa, come progetto che prima o poi sarebbe arrivato a terra, forse più poi che prima, che per rimandare c’è sempre tempo. Però quel giorno ho ricevuto un regalo che non mi aspettavo proprio: Gabriele mi ha detto che avevamo un appuntamento, che era una sorpresa, e io proprio non capivo chi poteva esserci ad aspettarci, con chi ci dovevamo incontrare. Insomma, l’appuntamento era con lei, a cui aveva affidato in gran segreto il lavoro di disegnare l’header di GranoSalis. E Chiara ci ha preso subito, solo un paio di revisioni così per provare, ma la sua idea dell’omino con i germogli in testa era perfetta dall’inizio. read more