Archivi per la Categoria: Conserve

Composta di mele limoncelle

composta_limoncelle_1_small
La natura è potente in questi giorni. Affascinante e spaventosa allo stesso tempo. La notte ha portato tantissima pioggia, e altra ancora è prevista per il pomeriggio. Porto fuori Urano al solito pascolo che si affaccia sul fiume; sole pieno, poi nuvole, un minuto di pioggia battente, ancora sole. Tanto, tanto vento, un vento forte.
Tengo Urano al centro del campo stavolta. Il fiume è salito di tantissimi metri e scorre più vicino del solito. Gliene mancano solo un altro paio per uscire dagli argini e invadere i campi. read more

Concentrato di pomodoro, classico e in polvere: l’ultima conserva dell’estate

concentrato_pom_1_small
L’ultima, sì, a quanto pare l’estate ci sta davvero abbandonando anche stavolta, anche nei fatti oltre che sul calendario. È tornata la pioggia e le temperature, a quanto pare, scenderanno un bel po’ nei prossimi giorni. Ottobre è qui, mentre scrivo (è domenica, ma voi leggerete tra qualche giorno) l’umidità della notte piovosa si spande nell’aria assolata caricandola di acqua, e le bici d’epoca dell’Eroica sfilano sulla strada una ad una, appena qui sotto, tra grida goliardiche, fiaschette di vino al posto delle borracce d’acqua e camere d’aria bucate (e disappunto per l’afa tremenda che sta salendo, immagino).read more

Passata di pomodoro fatta in casa

passata_pomodoro_small
È un mattino di fine agosto, o forse di inizio settembre. Io dormo ancora, nella sala da pranzo adibita per i mesi estivi a camera da letto per me e mio fratello, con la luce del giorno che filtra debolmente dalle persiane. Nel dormiveglia, avverto trambusto in cucina, la stanza accanto, separata solo da una porta, su cui mi pare sempre di vedere, nel gioco di penombra della sala debolmente illuminata, la sagoma del cane lupo del guardaboschi, che mi ha sempre fatto paura. Come gli scorpioni sotto il letto, oggetto di perlustrazione da parte mia e di mio fratello ogni sera, prima di spegnere le luci. Quelli però, a volte, c’erano davvero.read more

Marmellata di kumquat e mandarini con artemisia e pectina fatta in casa

marmellata_kumquat_small
Ve la ricordate la pectina autoprodotta che vi ho fatto vedere qualche settimana fa? Ebbene, sappiate che funziona, e anche molto bene! Sempre in occasione dell’ultimo ordine speciale di agrumi con MondoMangione, ho preso un pochino di kumquat, i mandarini cinesi, quelli che per dimensione somigliano a dei pomodori datterini e si mangiano in un sol boccone, con la buccia e tutto. Ho pensato di farci una marmellata, non tanto per me, che non amo molto le marmellate di agrumi, quanto per il mio lui e per regalarla qua e là. read more

Pectina fatta in casa e altri utilizzi degli “scarti” di arancia

pectina_small
Ecco, il 21 marzo è bello che passato da oltre una settimana e io ho pensato bene proprio adesso di mettermi a latitare e di non passare nemmeno ad augurarvi un bellissimo inizio di primavera. Posso farlo ora? Vale lo stesso?
Non sono troppo in grado di assicurare la mia solita costanza in questo periodo, ma sappiate che sono un vulcano di idee, avrei solo bisogno di più tempo per comunicare con voi, per farlo con tutta la calma necessaria, senza fretta, divertendomi. Com’è, come non è, adesso sono qui, a parlarvi di come ho sfruttato le bucce delle buonissime arance che ho preso più volte quest’anno tramite gli ordini speciali di MondoMangione. read more

La mela limoncella e la sua essiccazione

mele_22_small
Questa storia comincia qualche mese fa. Anzi, forse ancora prima. Vi ricordate delle mie prime visite ad Archeologia Arborea di cui vi ho narrato qui? Ebbene, poco tempo dopo ha iniziato a frullarmi nella testa un’idea, l’idea di un dono, un regalo alla mia amica più antica, non quanto le mele del frutteto, ma parecchio se paragonata alla mia breve vita. Ho pensato che sarebbe stato bello regalarle un albero, anzi regalarcelo, adottare a nostro nome uno degli alberi di San Lorenzo a Lerchi, perchè il raccolto delle sue mele potesse diventare per noi, amiche tanto vicine ma ormai separate dalla distanza chilometrica, un appuntamento da rinnovare ogni anno, nell’autunno ancora caldo di quelle terre meravigliose. read more

Preparato per cioccolata calda

cioccolata_tazza_small
E va bene, avevo detto di aver già esaurito l’argomento natale col post della scorsa settimana, ma lo sapete che quando mi prende il demone dell’autoproduzione poi non riesco più a liberarmene per un po’! E il natale si presta così bene a queste piccole delizie invasettabili che non posso non approfittarne adesso. Soprattutto se l’invasettabile in questione è anche qualcosa di molto invernale, così adatto a sposarsi con un camino acceso e una copertina della nonna: stiamo parlando della cioccolata calda, una delle coccole preferite di tante e tante persone ogni inverno. read more

Marmellata di pere, cannella e rhum

marmellata_pere_small
Questa marmellata nasce per necessità in una giornata di fine estate e arriva a voi adesso, alle porte del natale, un momento in cui tanti iniziano a pensare a cosa regalare ad amici e parenti e che magari hanno voglia di pensarci mettendosi in gioco in prima persona, creando da sé i doni da poggiare sotto l’albero.
Per quanto mi riguarda sono stata praticamente costretta a mettere le pere in pentola, quando il natale non era nemmeno lontanamente nei miei pensieri. Un sabato sonnacchioso di inizio settembre me ne sono andata al mercato in bici dopo mezzogiorno, con l’idea di prendere qualche chiletto di pesche dal mio banco preferito, che le produce direttamente in Valdichiana, e tornarmene a casa fischiettante con la mia frutta nel cestino fissato al manubrio. read more

Conservazione dei fagioli freschi (e dei loro baccelli)

fagioli_small
Questo post non era assolutamente in programma questa settimana. A dire il vero non era nemmeno lontanamente nei miei pensieri, fino a che non è spuntato fuori per caso da uno scambio di mail con Sara, di Tauro essiccatori, con cui mi stavo sentendo per altre questioni. In una sua risposta mi dice: “Se per caso ti avanzano fagioli freschi da essiccare, stiamo facendo delle prove anche noi, ma con le tue foto verrebbero certamente molto meglio!” (checcarina…). E io, guardacaso, avevo giusto degli ottimi borlotti freschi in frigorifero, ancora nel loro baccello, presi dal mio produttore quella settimana e utilizzati in parte per una zuppa buonissima con farro e cavolo nero.read more

In difesa del cibo

crostatine_small

Chi cucina dispone di una conoscenza degli alimenti che nessuno studio del supermercato o lettura di etichette potrà mai uguagliare. Avendo tolto il controllo del pasto dalle mani degli scienziati e dell’industria alimentare, sa esattamente cosa contiene e cosa non contiene. Non ci saranno problemi con lo sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio, o con i digliceridi etossilati, o con l’olio di soia parzialmente idrogenato, per la semplice ragione che non etossilerà o idrogenerà un bel nulla, né aggiungerà alcun additivo (a meno che, beninteso, non sia quel tipo di cuoco che inizia con una zuppa di funghi Campbell…). Rivendicare questo potere sul proprio cibo, sottrarlo all’industria e alla scienza, non è cosa da poco. Nella nostra epoca cucinare con i semplici prodotti della natura e coltivarne una parte è un atto sovversivo.

Tratto da In difesa del cibo di Michel Pollanread more