Capperi sotto sale – Autoproduzione (tardiva) di Agosto

capperi
Assaperlo prima! É un po’ tardi per quest’autoproduzione, non l’avevo pianificata per niente e per questo mese avevo pensato a ben altro, poi…poi ho visto quel vecchino col bicchiere raccogliere qualcosa dalle mura del paese, mentre tornavo a casa molto lentamente in macchina, molto lentamente perché in coda all’ennesima ape cross anni ’80 puzzona o all’ennesimo automobilista timorato a passo d’uomo, due esemplari mooolto comuni da queste parti. Fatto sta che quel vecchino mi ha fatto rendere conto di quante millemila piante di capperi ci siano aggrappate alle vecchie pietre che circondano il paese. E visto che non stiamo parlando delle Mura Aureliane a Roma, che saranno sì piene di capperi, ma non voglio manco sapere che cosa ci sta attaccato sopra quelle foglie e fiori, ho pensato che una bella raccolta ci stesse proprio. A dire il vero qualche mattina fa ho raccolto qualche cappero per poterlo mangiare subito in una ricettina che avevo pensato per pranzo, poi sono arrivata a casa, ho acceso il computer per saperne qualcosa di più sui capperi appena colti e ho scoperto che assolutamente non si mangiano prima di averli messi sotto sale o sott’aceto per 3-4 settimane, che così freschi hanno un saporaccio. E insomma, nella ricetta ci ho messo le olive, e i capperi, anche se erano pochi, li ho messi sotto sale. La ricettina coi capperi la condivido con voi il mese prossimo, quando la conserva sarà pronta, ma condivido adesso questo stimolo alla raccolta, e sbrigatevi che è già tardi! :-)
Per chi non lo sapesse, i capperi sono dei boccioli, il cui fiore aperto è veramente bello. Crescono su mura e muretti e fioriscono da maggio a settembre. I boccioli si conservano sonno sale, sott’aceto o sott’olio; come tutti i fiori contengono elementi nutritivi molto utili per l’uomo, soprattutto flavonoidi, sostanze antiossidanti molto potenti. Oltre a questo contengono diverse vitamine e minerali, soprattutto vitamina K, rame e ferro. La conservazione sotto sale rende più elevato il loro contenuto di sodio: ricordatevi di sciacquare bene i capperi prima di usarli e chiaramente di aggiungere meno sale alla preparazione in cui li state mettendo.
capperi_5
capperi_4
I capperi migliori si raccolgono a maggio e giugno, ma si prosegue tranquillamente anche per tutto luglio e fino alla fine di agosto, anche se quelli primaverili sono migliori. La raccolta è lunga, che i capperi sono piccolini, ma una pianta può essere molto fruttuosa visto che tira fuori nuovi boccioli ogni 7-10 giorni. Quindi, se avete una pianta a disposizione in condizioni medio-alte di salubrità ambientale come quelle su cui ho fatto la mia raccolta, o meglio ancora le avete sulle pareti della vostra bella casa di campagna o su qualche muro a secco su ruderi abbandonati, potete fare più vasetti a distanza di un paio di settimane gli uni dagli altri.
capperi_1

// Capperi sotto sale //

°° Ingredienti °°

  • capperi a volontà
  • sale marino integrale grosso
Raccogliete i capperi preferibilmente durante le prime ore del mattino, se non altro per non sciogliervi al sole. Dare la precedenza ai boccioli più piccoli, sono i migliori, ed evitate i boccioli che si stanno aprendo, dove il verde è interrotto da uno spicchietto di bianco. Potete raccoglierli recidendo direttamente il cappero alla base dello stelo che lo sorregge, ma se volete velocizzare la raccolta staccateli dalla pianta un po’ come capita e rimandate a dopo quest’operazione.
Tornati a casa, sciacquate bene i capperi in acqua fresca, scolateli bene, asciugateli e metteteli su un canovaccio pulito. Se non l’aveste già fatto durante la raccolta, isolate i boccioli dagli steli recidendoli con l’unghia del pollice. L’ideale è lasciarli all’aria in giardino o in balcone per una mezza giornata, ma se non avete spazi esterni a disposizione lasciateli in un punto arieggiato della casa per un giorno. C’è chi dice di esporli al sole, a istinto io li ho voluti lasciare all’ombra di un albero, che il sole mi pareva decisamente troppo violento: in fondo non devono essiccare ma solo asciugarsi.
Non resta molto da fare: prendete uno o più barattoli di vetro puliti e riempiteli alternando uno strato di capperi a uno strato di sale grosso. Iniziate e terminate col sale, in modo che tutti i boccioli siano ben protetti. Iniziate a consumarli dopo almeno 3-4 settimane; si conservano molto a lungo, più di quanto abbiate bisogno di sapere, che tanto se vi piacciono i capperi non dureranno granché!
Ti è piaciuto questo post? Condividilo!

6 Risposte a Capperi sotto sale – Autoproduzione (tardiva) di Agosto

  1. piccola mela ha detto:

    Meravigliosi!Li avevo raccolti anni fa in vacanza sull’isola di Salina: praticamente lì è difficile trovare quacosa di diverso dal cappero sulle colline :)
    Foto splendide e immagino anche questi capperi!
    Ciao cara!

    • Claudia_GranoSalis ha detto:

      Beh, certo i capperi dell’isola di Salina saranno stati più pregiati di quelli dell’entroterra toscano! Però anche questi non sembravano male…te lo saprò confermare tra un mesetto :-)
      Ciao e grazie del tuo feedback, apprezzatissimo come sempre!

  2. Giuse B ha detto:

    Io ho la fortuna di avere 2 piante in giardino e solo quest’anno mi è venuto in mente di raccoglierli.
    Io ho usato il sale fine e ancora sono al riposo, in attesa ancora per qualche settimana.
    Il profumo è meraviglioso!
    A presto.
    GiuseB

    • Claudia_GranoSalis ha detto:

      Forse anche i miei devono riposare ancora un po’…che fortuna averli direttamente in giardino!
      Fammi sapere come sono quando li provi, a presto!

  3. Briciole di CescaQB ha detto:

    Ciao sono appena approdatta per caso in questa tua casetta virtuale devo proprio dirti che con questo “cappero di post” mi hai aperto un mondo °_° Non che pensassi che i capperi nascessero già invasettati…ma non ho neanche mai creduto che le piante optessero essere così belle e portata di mano. Devo assolutamente approfondire :)
    Grazie
    Cesca

    • Claudia_GranoSalis ha detto:

      Ciao Cesca! Il tuo commento mi ha strappato una risata mentre ero immersa nel lavoro con le sopracciglia aggrottate…quindi già ti devo un grazie!
      Felice di averti fatto conoscere qualcosa di nuovo, purtroppo per approfondire ti toccherà aspettare il prossimo maggio, che ormai i capperi sono belli che andati, segnatelo come progetto per la primavera!
      E grazie di aver commentato pure perchè così ho scoperto il tuo blog, che è pieno di cose interessantissime!!!
      Alla prossima :-)

Leave a reply