Archivi per il Mese: settembre 2013

Crostini di alghe hijiki

crostini_hijiki
Questa è una ricetta per chi le alghe hijiki le ha già in dispensa; agli altri non so se mi sento di consigliarle in questo momento perchè crescono solo sulle coste del Giappone. Non se ne parla più, ma dal terremoto disastroso di oltre due anni fa le cose non sono migliorate, anzi. La centrale nucleare di Fukushima, gravemente compromessa dallo tsunami conseguente alla fortissima scossa dell’11 marzo 2011, continua ad essere una minaccia e una gravissima fonte di inquinamento costante del territorio e delle acque dell’Oceano Pacifico, aggredite da continui sversamenti di acqua radioattiva. La contaminazione è estesa, tanto che sulle coste californiane sono stati pescati tonni contaminati a due anni dal disastro. La vera e propria operazione di bonifica della centrale è prevista per il prossimo novembre, quando si dovranno iniziare le pericolosissime procedure per lo smaltimento del combustibile nucleare. Intanto dal marzo 2011 il sito nucleare non è mai stato veramente sotto controllo e non ha mai smesso di emettere radiazioni e di inquinare il territorio, con ovvie conseguenze sulla salute umana e ambientale.read more

Ravioli ricotta e zucchero – Tradizioni di famiglia

ravioli_15
La scorsa settimana sono stata assente dagli schermi. É che la settimana prima ancora sono stata a Roma che avevo delle cose da fare, poi tornata qui ne avevo talmente tante altre, tra cui RILASSARMI e darmi alla lettura, quella su carta non su schermi luminosi, che non sono riuscita a trovare uno spazietto per il blog. Sappiate però che mentre ero a Roma ho lavorato per voi, e chi mi segue sui social già lo sa. Era da tempo che volevo fare questa ricetta, e volevo farla insieme a mio padre, per imparare dai suoi gesti ripetuti tante volte e per condividere una preparazione insieme dal vivo, non per telefono come al solito. Che poi questa ricetta di cui mi accingo a parlarvi è sì una tradizione di famiglia, ma dalla parte di mia madre. Ecco, non è stata la mamma a passarmi l’amore per la cucina, sappiatelo. Quello che cucinava a casa era mio padre e lo faceva (e lo fa tuttora!) anche parecchio bene. read more

Friselle con i miei capperi

friselle
Eccola quella ricettina a cui avevo accennato qui…ho aspettato che i capperi stessero a riposo nel loro sale un po’ di tempo e oggi li ho usati per la prima volta. Questa è una ricetta ancora tipicamente estiva, ma d’altra parte ancora in estate siamo, e che estate! Il sole è potente e caldo, è uno di quei periodi dell’anno in cui godo come una lucertola a mezzogiorno a mettermi sotto i suoi raggi, specie la mattina appena sveglia, quando prendo il caffè seduta per terra davanti alla porta finestra che dà sul giardino facendo le coccole a Urano, che pure lui non vede l’ora che io mi alzi e apra le grosse imposte di legno per andare subito a rosolarsi per bene. Sta lì fino a che la parte nera del suo pelo non diventa bella calda (quanto mi piace accarezzare un cane o un gatto scuro dopo che è stato un po’ al sole!), poi se ne torna dentro e si rintana nel punto più fresco della casa. read more

Pomodorini confits – Autoproduzione di Settembre

pomodorini_confits
Vi ricordate che il mese scorso ho rimandato l’autoproduzione che avevo pensato di fare per dare spazio ai capperi sotto sale, che non potevano aspettare oltre? Ecco, quello che avevo in mente era questo: pomodori confits! Non è usuale trovarli qui in Italia: come il nome chiaramente suggerisce trattasi di preparazione tipica francese, in particolare della Francia del Sud. Sono stati fra le tre cose che più mi hanno stuzzicato durante il mio viaggio della scorsa estate, insieme alla vinaigrette a base di senape e aceto balsamico e al fleur de sel. Me li sono ritrovati nelle enormi insalate servite ai minuscoli tavolini delle piazze provenzali e ne sono stata subito rapita.read more