Piante innovative e la raccolta della canapa

canapa_1_small
Ho conosciuto Sofia qualche anno fa, in occasione di un corso di distillazione di oli essenziali sull’appennino romagnolo. Era una due giorni in un’azienda agricola incredibilmente bella, quella di Massimo Corbara, esperto in quest’arte magica e affascinante della distillazione di piante officinali e studioso ormai da anni di spagiria. Io ero lì da semplice curiosa, piena di voglia di sperimentare un nuovo metodo di estrazione dei principi attivi dalle piante, ma senza alcun progetto preciso e “senza terra”, quindi senza grandi quantità di materia vegetale a disposizione per mettere in pratica quello che avrei imparato. L’ho comunque fatto in questi anni usando un piccolo distillatore da 12 litri, costruito grazie allo stesso Massimo, e usando le piante regalate da vicini (potature di alloro, ad esempio) e dal mio padrone di casa, che quando taglia la lavanda nel suo giardino si ricorda sempre di me.
Sofia, al contrario, era lì con un’idea ben definita in testa. Aveva iniziato da qualche tempo a coltivare canapa su terreni di famiglia a Colle Val d’Elsa e tra i possibili usi di quella pianta così versatile (almeno quanto demonizzata) ha pensato alla distillazione, ed eccola lì ad imparare l’arte al corso di Corbara.
Avevo già allora segnato la sua email e il suo numero, con l’idea di visitare i campi un giorno, poi la cosa è finita un po’ troppo in fondo nell’archivio abnorme dei “farò” e dei “vorrei” del mio cervello, fino a che lo scorso autunno ho rincontrato Sofia per caso. Ero a San Gimignano per lavorare a un catering all’interno di una fiera bio, e lei era lì tra gli espositori, col suo progetto Piante Innovative. La coltivazione della canapa è infatti solo una parte di un progetto molto più ampio e molto bello, che Sofia porta avanti con suo marito Paolo. Sono entrambi figli d’arte: il padre di Sofia è agricoltore in Val d’Elsa, il papà di Paolo coltiva in Piemonte, anche lui canapa, tra le altre cose. Si sono stabiliti col loro progetto a Palaia, in provincia di Pisa, ma sono spesso in Val d’Elsa, ed è lì che li ho incontrati, un martedì di metà agosto, in tempo per la fioritura della canapa.
canapa_small
Ma torniamo agli albori del progetto: Piante Innovative nasce per diffondere cultura e utilizzi pratici di piante particolarmente ricche e utili dal punto di vista soprattutto alimentare e medicinale. Piante non molto conosciute, autoctone o esotiche, o magari molto usate in un recente passato e poi dimenticate. Le prime piante su cui Sofia e Paolo di sono concentrati sono state canapa, perilla, okra e stevia, col tempo poi a queste pioniere se ne sono affiancate tante altre, che vanno ora a comporre il loro ricco catalogo, che è di certo lontano dall’essere completo o statico. Oltre alla cultura, infatti, diffondono piante vere e proprie, che riproducono e vendono a fiere ed eventi di settore, e semi, che tramite la loro associazione Natura Maestra scambiano e diffondono nelle stesse occasioni. Paolo ha anche una certa passione per le tecnologie EM (microrganismi effettivi, vi rimando al loro sito per un buon approfondimento) e produce il bokashi, un fertilizzante naturale composto da materiali diversi, come residui di distillazione, potature, alghe, scarti alimentari, in cui vengono inoculati dei particolari microrganismi che danno il via ad una fermentazione anaerobica, altro processo magico di trasformazione della materia vegetale. Il risultato è un composto naturale in grado di apportare moltissimi benefici al suolo e alle piante.
canapa_10_small
Ho raggiunto Sofia e Paolo nel campo di canapa nel tardo pomeriggio, per aiutarli a raccogliere le infiorescenze da mettere nel distillatore. Paolo armato di falcetto, Sofia di cesoie e io delle mie nude mani, che in effetti sono lo strumento migliore: invece di tagliare lo stelo, che è materiale superfluo nella distillazione (ma rende la raccolta più semplice), lo si può percorrere delicatamente ma con vigore tra pollice e indice strappando via foglie e infiorescenza, la parte preziosa. Salvo poi ritrovarsi delle belle vesciche sulle dita dopo appena mezzora :)
Abbiamo raccolto i fiori in un telo bianco, una decina abbondante di chili, poi abbiamo portato il raccolto nel giardino dei genitori di Sofia, dove il distillatore già ci aspettava, ancora carico del residuo dalla precedente lavorazione. Paolo l’ha scaricato in una carriola, raccontandomi quanto fosse utile per la produzione del bokashi che dicevamo. Non si butta via niente, insomma!
canapa_9_small
canapa_11_small
La pianta della cannabis (Cannabis sativa, in questo caso varietà futura) è a suo modo molto elegante. La canapa da fibra lasciata crescere in campo aperto è piuttosto diversa rispetto alle immagini che magari avrete visto della cannabis coltivata a scopo ludico, che viene messa sotto stress per farle produrre un’infiorescenza gigantesca e incredibilmente ricca di resina, supercarica di THC, il cannabinoide ad effetto psicotropo. Questi metodi di coltivazione li ho appresi dallo splendido e già citato libro di Michael Pollan, La botanica del desiderio (eddai, non l’avete ancora letto? È uno dei libri più affascinati e interessanti che siano stati mai scritti!!). Tra le quattro piante trattate da Pollan c’è proprio la cannabis, che nel capitolo a lei dedicato corrisponde allo specifico desiderio dell’ebbrezza. Pollan racconta di come sia stato proprio il proibizionismo a far sì che la coltivazione della cannabis si sia evoluta fino a produrre oggi piante con una quantità incredibilmente superiore di THC rispetto alle loro antenate dei primi anni ’80. È stata la stretta proibizionista a far sì prima che dalla Cannabis sativa si passasse alla C. indica, portata dall’Afghanistan dopo la distruzione delle piantagioni messicane (la varietà indica è molto più robusta della sativa, può fiorire fino ad alte latitudini e resta molto più bassa), poi che si incrociassero le due varietà per ottenere la C. sativa x indica, che concentrava il meglio sia dell’una che dell’altra, e infine che le coltivazioni diventassero indoor, al riparo da sguardi indiscreti e pompate all’inverosimile con fertilizzanti, acqua e lampade alogene, in modo da avere un ottimo raccolto in appena 8 settimane dalla germinazione. Altra importante caratteristica della coltivazione al chiuso è la possibilità di isolare le piante femmine, che vengono riprodotte per talea, togliendo loro qualsiasi possibilità di venire impollinate e di produrre semi. In questo modo le femmine, nell’attesa disperata di un insetto che porti qualche grano di polline dalle piante maschili, producono fiori sempre più grandi e ricchi di resina, un vero e proprio concentrato di cannabinoidi psicoattivi. Col risultato che contengono in media il 15% di THC (ma si può arrivare fino al 20%), contro il 2-3% della cannabis comune prima dell’inasprirsi delle misure proibizioniste.
canapa_2_small
Rispetto a questi superibridi moderni, l’infiorescenza della canapa da fibra è invece più discreta, ma molto profumata, dello stesso aroma della sua sorellona psicotropa. Quest’anno Sofia e Paolo hanno seminato una varietà francese, e il raccolto non è stato male; le piante sono cresciute abbastanza, alcune svettavano ben più in alto di noi, anche se in gran parte parte erano piuttosto lontane dal superarci in altezza. L’anno scorso, avevano piantato una varietà ungherese, la C. jubileum, che vorrebbe climi ancora più freschi e più piogge di quella francese. E poi è arrivato quel caldo torrido e il risultato è stato abbastanza disastroso, con le piante che sono fiorite quasi subito rimanendo molto basse. E perchè non una varietà italiana, la C. carmagnola, quella che con tanto successo e per tanti anni è stata coltivata nelle nostre campagne (l’unica rimasta delle tre varietà che esistevano un tempo)? Il problema è che di semi ce ne sono ben pochi, e non è molto facile reperirne in quantità. Il seme poi non si può riprodurre per sé e ripiantare, va ricomprato ogni anno e deve essere certificato a basso tenore di THC. Tanto per farvelo sapere, poi, bisogna essere un’azienda agricola e fare un’autodenuncia alla polizia per poter coltivare le varietà da fibra, non lo si può fare nel proprio giardino, anche se il livello di sostanze psicoattive è irrilevante. Fabrizio Cinquini docet. Personalmente auspico che questo sia presto possibile, e che la criminalizzazione di questa pianta così utile finisca una volta per tutte. Sarà senz’altro più facile che la coltura si diffonda di nuovo nel nostro paese, dato che è utile a tante altre cose, come vi spiego tra un attimo.
canapa_3_small
Durante la raccolta, Paolo ha spogliato uno degli steli del suo rivestimento verde, per farmi sentire quanto fosse tenace e resistente la fibra della canapa. Ho ancora quella striscia a casa mia, ormai secca, e vi giuro che non c’è verso di spezzarla. La canapa era una delle piante più utilizzate per la produzione di fibra vegetale, prima della diffusione massiva del cotone. Le differenze tra le due piante a livello di impatto ambientale sono davvero notevoli: il cotone richiede il doppio dell’acqua rispetto alla canapa, che essendo una pianta molto rustica non richiede trattamenti fitosanitari particolari, al contrario del cotone che è letteralmente imbevuto di pesticidi. La canapa inoltre non impoverisce i terreni, ma al contrario li migliora: seminando il grano in rotazione con la canapa, la resa aumenta in maniera tangibile.

Ormai, nonostante la coltivazione della canapa stia riguadagnando interesse in ambito agricolo, in Italia, e in generale in Europa, le infrastrutture per la lavorazione non esistono praticamente più. Sofia e Paolo mi hanno raccontato che ormai tutta la fibra di canapa presente sul mercato, anche quella bio, viene quasi esclusivamente dalla Cina. La stessa Assocanapa nel suo sito scrive:

Il motivo per cui […] la coltivazione della canapa non si e’ diffusa rapidamente e’ dovuta alle difficolta’ che si incontrano non solo a causa della totale mancanza di chiarezza del quadro normativo e dei rischi conseguenti a tale lacuna, ma soprattutto per il fatto che, in conseguenza dell’interruzione della coltivazione e della lavorazione per piu’ di sessant’anni e anche a causa della miopia delle istituzioni di ricerca deputate, rispetto alle altre colture che si coltivano su milioni di ettari da decenni in tutto il mondo (ad esempio al mais o alla soia), la canapa subisce un enorme divario (gap) tecnologico sia per quanto concerne l’aspetto agronomico (varieta’ idonee, rese per ettaro) sia per quanto concerne i macchinari per la coltivazione e la raccolta e i macchinari e i processi per le lavorazioni successive.

Il che è un vero peccato, da tanti punti di vista. La canapa ha una resa maggiore rispetto al cotone, e i suoi utilizzi sono, potenzialmente, davvero molti: ci si possono fabbricare tessuti, cordame, carta (che non necessita di sbiancamento), si possono usare i semi a scopo alimentare, ricavandone anche un ottimo olio. Altra caratteristica interessantissima della canapa, oltre alla possibilità di migliorare i terreni, è la sua capacità di bonificarli: è una delle piante più indicate nelle tecnologie di fitorisanamento, in grado di sottrarre ai terreni inquinati sostanze come diossina e metalli pesanti. Niente male, no? E non finisce mica qui: prendo in prestito un’immagine piuttosto esplicativa dalla pagina dedicata alla Cannabis sativa sul sito di Piante Innovative, in cui vengono illustrati tutti i possibili usi di ogni parte della pianta:
albero_canapa_small
E poi, ovviamente, c’è l’utilizzo terapeutico. Se le varietà migliori da questo punto di vista sono quelle che contengono alte concentrazioni di CBD (l’altro cannabiniode, non psicoattivo, contenuto in maggior quantità nella Cannabis) unite a un contenuto non trascurabile di THC, anche le varietà da fibra che in Italia è consentito coltivare contengono moltissime sostanze benefiche. Nella Cannabis sono presenti tanti altri cannabinoidi in concentrazione minore, si stima che siano almeno una sessantina, presenti anche nelle varietà permesse qui. Il contenuto di CBD non è così elevato, ma c’è, e funziona, ovviamente in sinergia con tutto il resto. L’olio essenziale estratto da Sofia ha ottime virtù rilassanti, digestive e antinfiammatorie (e non solo, andate a leggere qui. E se ne producono solo 100 litri l’anno in tutto il mondo, è una vera rarità!), come anche l’infuso di fiori e foglie, che se siete fortunati potrete trovare in qualche fiera o mercato a cui Piante Innovative partecipa col suo stand. Pare che le vecchine vicine di casa di Sofia si siano perdutamente innamorate di questa infusione, che le fa dormire come ghiri in men che non si dica.
sofia_paolo_small
Un po’ come io mi sono innamorata di questo progetto. Ho incontrato nuovamente Sofia e Paolo a Lucca, ve l’avevo raccontato qualche settimana fa, quando vi ho presentato anche la mia nuova amica Perilla frutescens. Oltre a quelle due belle piantine di shiso, ho preso del cavolo riccio da trapiantare nel mio orto sperimentale (già raso al suolo dalle lumache…l’esperimento non sta andando proprio alla grande), una menta profumatissima chiamata Menta del capo e una salvia molto particolare, usata tradizionalmente nei rituali dei nativi americani, bruciandone le foglie per respirarne l’aroma.
Di certo ci incroceremo ancora. Se nel frattempo volete incontarli anche voi, seguite il loro sito e la loro pagina facebook per essere aggiornati sui tanti eventi a cui parteciperanno (il prossimo è già questo weekend a Piacenza), oppure fate un giro alla Fierucola a Firenze ogni terza domenica del mese.
stand_small
E se la distillazione vi affascina e volete iniziare a conoscerla, potete venire alla Mediateca Mario Monicelli di Asciano (SI) sabato 22 ottobre, dove insieme al mio piccolo distillatore domestico parleremo insieme degli oli essenziali, delle acque aromatiche, delle loro proprietà e del processo di estrazione. Faremo una distillazione vera e propria, con una piccola passeggiata erboristica nel mezzo, e alla fine ognuno porterà a casa un po’ di idrolato e un pochino di olio essenziale, se la pianta sarà generosa :) Il corso sarà nel pomeriggio e durerà 4 ore, il costo è di 25 euro a persona. Prenotatevi chiamando la mediateca a questi numeri: 3497504247 – 0577717233. E a proposito di distillazione e non solo: romani, state sintonizzati che tra non molto scendo anche da quelle parti :)

Nota alle immagini: le ultime tre immagini di questo post sono prese dal sito e dalla pagina facebook di Piante Innovative, dietro autorizzazione di Sofia.

Un’insalata estiva profumata di Grecia

insalata_greca_small
È malinconica, la fine dell’estate. Soprattutto in questi giorni, in cui praticamente ogni regione d’Italia ha sperimentato un forte e umido anticipo dell’autunno che sta arrivando. Eppure, io mi sento particolarmente allegra ed energica. È malinconica la fine dell’estate, sì, ma è anche tanto generosa. Il sole dopo le piogge sembra più intenso che mai, e la natura esplode nell’ultimo tripudio di vita prima del suo ciclico sonno, regalando a piene mani tutta la sua abbondanza. read more

Insalata di riso nerone in verde

insalata_riso_nerone_small
Proprio mentre mi dedicavo alla preparazione di questa ricetta, raccontavo ad una mia cara amica romana al telefono di quanto, in verità, non fossi mai stata una grande amante dell’insalata di riso. Mi rendo conto però, e ne ho trovato conferma confrontandomi con lei che aveva avuto più o meno le mie stesse esperienze e sensazioni, che per quanto mi riguarda è stato soprattutto a causa di quello che chiamerei un piccolo trauma gastronomico.read more

Passata di pomodoro fatta in casa

passata_pomodoro_small
È un mattino di fine agosto, o forse di inizio settembre. Io dormo ancora, nella sala da pranzo adibita per i mesi estivi a camera da letto per me e mio fratello, con la luce del giorno che filtra debolmente dalle persiane. Nel dormiveglia, avverto trambusto in cucina, la stanza accanto, separata solo da una porta, su cui mi pare sempre di vedere, nel gioco di penombra della sala debolmente illuminata, la sagoma del cane lupo del guardaboschi, che mi ha sempre fatto paura. Come gli scorpioni sotto il letto, oggetto di perlustrazione da parte mia e di mio fratello ogni sera, prima di spegnere le luci. Quelli però, a volte, c’erano davvero.read more

Panzanella con pane integrale e pomodori ciliegini

panzanella_small
Ci credete che è la prima volta che preparo la panzanella? Davvero! L’ho mangiata, sì, ma non spesso. Nonostante sia un piatto non solo tipicamente toscano, ma anche tipicamente romano, non ha fatto parte della mia storia gastronomica per un bel po’ (a casa mia chiamavamo panzanella la frisella, tipo questa), fino a che mi sono ritrovata a mangiarla in qualche pasto fuori casa qui a Siena e me ne sono innamorata. Un piatto così semplice, ma così gustoso, come si fa a non apprezzarlo immediatamente?read more

Piadina all’olio e.v.o. con farina semintegrale e pasta madre

piada_2_small
Ma che fresco fa? Oddio, non so a sud, non so a nord, ma io da qualche giorno qui in bassa Toscana sto che è un incanto. Da quando si è messa a soffiare quella brezza meravigliosa mercoledì a pranzo, portando poi un bel temporale generoso, sono un po’ rinata. Non sono proprio un amante del caldo torrido, che qui in questo antico deserto si fa sentire particolarmente quando arriva, e la mia camera da letto è proprio sotto il tetto, cosa non proprio ideale per i sonni estivi. Me la godo, finché dura, sono un po’ barricata al lavoro viste le ferie delle mie colleghe, quindi non posso starmene troppo in giro, ma mettersi a pranzare seduta in Piazza del Campo sotto il sole di luglio e non soccombere al caldo è davvero una goduria.read more

Insalata di patate viola e quinoa con maionese di mandorle alla curcuma

patate_viola_maio_mandorle_small
Quante varietà di patate esistono al mondo, ve lo siete mai chiesti? Qui più o meno siamo abituati a vederne 3 sui banchi dei mercati, genericamente chiamate patata gialla, patata rossa e patata bianca. Tempo fa ho scoperto che questa selezione è ben poca cosa rispetto a quelle che vengono effettivamente coltivate, che sono probabilmente più di 3000, e per la maggior parte concentrate sugli altopiani delle Ande, in Perù. Di quanto questa biodiversità sia importante ho parlato più nello specifico lo scorso anno, quando vi ho cucinato questo farro al pesto e pomodorini, raccontandovi anche di come le patate delle Ande abbiano salvato la vita dei popoli nord-europei che ormai dipendevano da questo tubero, quando il suo principale parassita distrusse i raccolti nel giro di pochi giorni. read more

Latte di mandorla fatto in casa

latte_mandorla_small
Ve l’avevo detto la scorsa settimana che avrei abbandonato un attimo le piante e sarei tornata in cucina. Lo faccio con una base incredibilmente semplice quanto utile e versatile, per cui vi serviranno due soli ingredienti: acqua fresca e quella che per me è la regina della frutta secca oleosa, ossia la mandorla.
Mi piacciono tantissimo le mandorle. Le mangio in ogni stagione dell’anno. Ultimamente, devo dire la verità, sono state un po’ surclassate dalle nocciole nella mia classifica della frutta secca, ne avevo un bel po’ in guscio prese dalla Sicilia che stanno ora tristemente finendo, e ho divorato ultimamente quelle sgusciate e tostate di una recente conoscenza, Meri della Fattoria Roncaglia di Ronciglione, vicino Sutri nel viterbese, che ne produce di buonissime (e ci fa pure una crema di nocciole al cacao che è da urlo. read more

L’eleganza del tiglio

tiglio_small
Me ne sono stata per i fatti miei in questi giorni e ho trascurato un po’ il blog…non per questioni lavorative o impegni vari, stavolta, ma per passare qualche giorno nella mia vecchia Roma, che erano più o meno 6 mesi che non mi facevo vedere, fatta eccezione per una toccata e fuga a febbraio in occasione di una gara di ravioli (questi qui) in famiglia. Giusto il tempo di prendere un pullman, vincere la sfida e tornare a casa bella tronfia, eheheheh. …… No, vabbé, non è vero. read more

Un oleolito di camomilla

camomilla_small
Questa tarda primavera che somiglia ogni giorno di più all’autunno certo non favorisce la raccolta delle erbe, come taglia le gambe a tanto altro. Mi sembra di essere come sospesa in un inverno che non finisce mai, ancora impossibilitata a scoprire con leggerezza gambe e spalle, nonostante il solstizio così vicino e le giornate così lunghe. Sulle strade, la mattina, è tornata una nebbia che sa di novembre, la terra pare aspettare impaziente che il calore torni ad asciugarla.read more